Happy-birthday.svg
Vikidia in lingua italiana compie 5 anni !
15 marzo 2012 - 15 marzo 2017
Happy-birthday.svg


Spagna

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Spagna

Flag of Spain.svg

Lingua ufficiale
Capitale
spagnolo[1]
Madrid
Superficie
Forma di governo
Continente
Popolazione
504.645 km²
Monarchia parlamentare
Europa
46.076.989 abitanti
Fuso orario
valuta
UTC+1 (CET)
Euro[2]


La Spagna, o Regno di Spagna, è uno stato dell'Europa sud occidentale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Preistoria e popoli pre-romani[modifica | modifica wikitesto]

Le ricerche archeologiche presso Atapuerca indicano che la penisola iberica fosse stata popolata da ominidi fin da 1,2 milioni di anni fa.[7] Gli uomini moderni arrivarono in Iberia, da nord a piedi, circa 32.000 anni fa. I manufatti più noti di questi insediamenti preistorici sono i famosi dipinti della grotta di Altamira in Cantabria che sono stati realizzati circa nel 15.000 aC dall’uomo di Cro-Magnon.

Spagna romana e gotica[modifica | modifica wikitesto]

L’indebolimento dell’Impero romano d'Occidente in Spagna iniziò nel 409, quando gli Svevi e i Vandali, insieme agli Alani, attraversarono il Reno e devastarono la Gallia per poi essere spinti in Spagna dai Visigoti. Gli Svevi stabilirono un regno dove oggi vi è la moderna Galizia e il nord del Portogallo.

I Vandali Silingi occuparono la regione il cui nome ricorda ancora la loro denominazione: Vandalusia, la moderna Andalusia. I bizantini stabilirono una sorta di enclave nel sud del paese, con l’intento di far rivivere l’Impero romano in tutta l’Iberia. Alla fine, comunque, la Spagna fu riunita sotto la dominazione visigota.

Spagna imperiale[modifica | modifica wikitesto]

L’unificazione delle corone di Aragona e Castiglia ha posto le basi per la moderna Spagna e per l’impero spagnolo. La Spagna fu così un’indiscussa potenza europea per tutto il XVI secolo e per la maggior parte del XVII, grazie al commercio e i possedimenti coloniali in America.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Mappa della Spagna

La Spagna si trova nella penisola iberica. Confina ad ovest Portogallo, a nord Francia ed Andorra, a sud c'è un piccolo stato Gibilterra. Ha due exclavi Ceuta e Melilla in territorio marocchino in Nord Africa.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

A nord lungo le coste dell'oceano c'è un clima atlantico,con piogge frequenti e improvvise,con inverni non troppo fredi. sull'Altopiano della Meseta c'è un clima arido e continentale,con inverni non troppo freddi e estati afose,con forti escursione termiche dal giorno alla notte. A sud c'è un clima mediterraneo con inverni miti e estati molto calde. Su i Pirenei c'è un clima alpino con abbondanti nevicate, inverni e estati fresche

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio della Spagna è prevalentemente Montuoso,con poche pianure,la superficie della Spagna è di 505.957 km quadrati.

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

Gli abitanti sono circa 47 milioni. È una delle nazioni dove si parlano più lingue come la lingua castigliana, la lingua catalana, la lingua andalusa, la lingua galiziana, la lingua aragonese. Nelle due exclavi di Ceuta e Melilla si parla ancheno la lingua berbera e la lingua araba. A Gibilterra, piccolo territorio territorialmente spagnolo ma governato dal Regno Unito, si parla inglese.

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Il 79,4% della popolazione appartiene alla confessione cattolica romana e il 3% è alla religione musulmana, 1% sono protestanti, 0,8% sono ebrei, 0,7% sono di altri confension e 15,1% si dichiarano atei o agnostici[3].

Ordinamento dello stato[modifica | modifica wikitesto]

Politica[modifica | modifica wikitesto]

La Spagna è una monarchia democratica e costituzionale. Ha un Parlamento composto di senatori e deputati.

La Spagna fa parte dell'Unione Europea. La sua capitale è Madrid.

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Ha 4 livelli amministrativi: delle Comunità Autonome (l'equivalente delle regioni italiane), delle province spagnole, e dei comuni e delle comarche.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia spagnola è una delle economie più aperte e della zona euro più di internazionalizzazione nei suoi prodotti finanziari, servizi, etc.

L’economia spagnola rientra tra le economie avanzate dell’Europa occidentale. In particolare, nel decennio che va dal 1998 al 2008, l’economia iberica è stata tra le più dinamiche nell’eurozona. La società e l’economia spagnola hanno vissuto un forte periodo di trasformazione e di crescita nel corso degli ultimi due decenni del novecento. Uscito dall’isolamento politico ed economico imposto dalla lunga dittatura fascista, il Paese si è aperto a degli scambi commerciali internazionali e ha aderito all’UE nel 1986.

Tuttavia, a partire dalla grande crisi finanziaria iniziata nel 2008 e la crisi del sistema bancario che ha costretto il governo spagnolo a chiedere aiuti al fondo salva stati nel giugno del 2012 a causa dello scoppio della bolla immobiliare, l’economia spagnola è entrata in una crisi profonda che ha portato il livello di disoccupazione a sfiorare il 25%

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso degli ultimi quattro decenni l’industria del turismo spagnolo è cresciuta fino a diventare la seconda più grande del mondo, con un valore stimato di 40 miliardi di euro, nel 2006, corrispondente a circa il 5% del PIL.

Arte[modifica | modifica wikitesto]

Grazie alla sua diversità storica e geografica, l’architettura spagnola ha giovato di numerose influenze. Ad esempio, una città importante della provincia come Cordova, che fu fondata dai Romani e quindi vanta una vasta infrastruttura di quell’epoca, divenne la capitale culturale della dinastia islamica Omayyade vedendo sorgere su di essa anche raffinate architetture in stile arabo.[58] Le successive dinastie arabe che si sono succedute in Spagna, hanno sviluppato fulgidi esempi di architetture sempre più complesse e caratteristiche come il famoso complesso del Palazzo di Granada.

Allo stesso tempo, emersero i regni cristiani che, a poco a poco, svilupparono i loro stili, integrando i flussi romanci e gotici. In particolare vi fu una straordinaria fioritura dello stile gotico che ha validi esempi sparsi su tutto il territorio nazionale. Lo stile mudéjar, emerso dal XII al XVII secolo è stato sviluppato con la fusione di motivi in stile arabo e i modelli dell’architettura europea.

L’arrivo del Modernismo in ambito accademico, ha prodotto gran parte dell’architettura del XX secolo, uno stile che ha avuto l’epicentro a Barcellona e in Gaudí l’architetto simbolo. Dalle soglie del XXI secolo, la Spagna sta vivendo una rivoluzione nell’architettura contemporanea e architetti spagnoli come Rafael Moneo, Santiago Calatrava, Ricardo Bofill e molti altri hanno guadagnato fama mondiale.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

In Spagna vanno molto frequenti il calcio, sopratutto la Barcelona Futbol Club che si trova in Catalogna. La nazionale di calcio spagnola, ha vinto il campionato europeo di calcio nel 1964, nel 2008 e nel 2012 e il Campionato mondiale di calcio nel 2010.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. Altre lingue ufficiali: catalano e basco a livello locale
  2. Fino al 2002 la moneta ufficiale era il peso spagnolo
  3. GT Globedia