Materia (fisica)

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni


bussola DisambiguazioneSe cercavi altri significati del termine, oppure cercavi un'altra persona, vedi la pagina Materia

Con il termine materia, si intende qualsiasi cosa che abbia massa e che occupi spazio.

La materia[modifica | modifica wikitesto]

La materia compone tutte le cose che ci circondano: l'aria, l'acqua, il terreno, gli animali, le piante anche noi stessi.

Le sostanze[modifica | modifica wikitesto]

Mezclas de la materia



Una sostanza (o sostanza pura) è un tipo di materia dotata dei proprietà specifiche che la distinguono da qualunque altra sostanza. Degli esempi di sostanza possono essere: zucchero, acqua, rame, tronchi, stoffa...

Le molecole e gli atomi[modifica | modifica wikitesto]

Le sostanze sono composte da piccole particelle dette atomi. Il filosofo greco Democrito gli scopri già 2400 anni fa e li chiamò così perché la parola "atomi" in greco vuole dire "indivisibili". In natura ci sono 92 tipi di atomi e hanno tutti un nome e un simbolo per esempio: Ferro(Fe), Oro(Au), Idrogeno(H). In certi casi i simboli sono composti da più di una lettera perciò la prima va scritta sempre maiuscola e la seconda va scritta minuscola, invece se il simbolo è composto da una sola lettera va scritta maiuscola. Questi atomi quando viaggiano a due a due vengono chiamati molecole. Esempi di molecole: ferro (Fe), idrogeno (H), ossigeno (O).

Sostanza semplice o composta[modifica | modifica wikitesto]

Una sostanza può essere classificata come semplice o composta: si dice semplice se è composta da atomi uguali, si dice composta se è formata da atomi diversi.

Miscugli omogenei o eterogenei[modifica | modifica wikitesto]

BarreGranite.jpg

Diverse sostanze mescolate insieme si chiamano composte. In certi casi si può distinguere ad occhio nudo le varie sostanze che compongono un miscuglio in questi casi il miscuglio è chiamato miscuglio eterogeneo: per esempio il granito (distinguo il colore bianco dal nero). Invece le sostanze in cui non è possibile distinguere ad occhio nudo un componente dall'altro, in questo caso il miscuglio è chiamato miscuglio omogeneo: per esempio il te (non distingui l'acqua dal rosso del tè).

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Leopardi, Francesca Bolognani, Chiara Cateni, Massimo Temporelli, Scienze Focus fisica e chimica,2014 De Agostini Scuola SpA-Novara

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Wikipedia:Materia (fisica)

Sitografia[modifica | modifica wikitesto]