Trentino-Alto Adige

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni

Il Trentino-Alto Adige è una regione autonoma. Ha statuto speciale dell’Italia nord orientale con capoluogo Trento. Il Trentino-Alto Adige ha due province: la provincia autonoma di Trento (il Trentino) e la provincia autonoma di Bolzano (Alto Adige). Ha 1.074.524 abitanti (1° gennaio 2019). Il suo territorio è per il 100% montuoso ed il 75% circa è sopra i 1000 metri di altezza. Nella provincia di Bolzano esiste il bilinguismo: oltre che alla lingua italiana si parla anche il tedesco. I cartelli stradali, soprattutto in Alto Adige sono in entrambe le lingue.

Trentino-Alto Adige
(de) Trentino-Südtirol
regione a statuto speciale
Stemma Trentino-Südtirol.png
(dettagli)
Flag of Trentino-South Tyrol.svg
(dettagli)
Trentino-Alto Adige - Mappa.svg
Province
Localizzazione
Stato Flag of Italy.svg Italia
Amministrazione
Capoluogo Trento
Presidente della Regione Arno Kompatscher (SVP)
Vicepresidente della Regione Maurizio Fugatti (Lega)
Presidente del CR-RR Roberto Paccher (Lega)
Sindaco di Trento Alessandro Andreatta (PD)
Sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi (Indipendente (politica)Ind.-csx)
Data di istituzione 1948
Territorio
Altitudine 749 m s.l.m.
Superficie 13 605,5 km2
Abitanti 1 071 775
Densità 78,78 ab. km2
Province Trento, Bolzano
Comuni 326 comuni
Confini Lombardia, Veneto, Grigioni (CH), Salisburghese (AT, Tirolo (AT)
Altre informazioni
Lingue italiano, tedesco
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 04
ISO 3166-2 IT-32
Nome degli abitanti trentini, altoatesini, sudtirolesi
Targa I
PIL 31,6 mld
PIL procapite 30 186
Rappresentanza parlamentare 11 deputati e 7 senatori
Cartografia
Trentino-Alto Adige in Italy.svg
Sito istituzionale

Il Trentino-Alto Adige è una regione italiana. Il suo capoluogo è Trento. Il presidente della regione è Arno Kompatscher.


Confini[modifica | modifica wikitesto]

  • NORD: Austria
  • NORD OVEST: Svizzera
  • OVEST: Lombardia
  • SUD - EST: Veneto
  • NORD EST: Austria (Länder del Tirolo e Salisburgo).

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Il Trentino-Alto Adige è una regione del Nord-Italia. La cui area è di 13606 km2 : il Trentino ha una superficie di 6207 km2 , mentre l’Alto Adige ne ha una di 7398 km2 . Il 75% circa si estende sopra i 1000 metri dove ci sono molti piccoli laghi. Il Trentino è basato particolarmente sull’agricoltura, ma anche il turismo, non manca sulle montagne (soprattutto in inverno).

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Ha un clima continentale e alpino di alta montagna, può variare in base ai venti, all’altitudine e alla presenza di laghi come quello di Garda: questi fattori possono conferire un clima mediterraneo al Trentino-Alto Adige.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Paleolitico e le prime popolazioni[modifica | modifica wikitesto]

La storia del Trentino parte nel paleolitico superiore in cui i ghiacciai coprivano buona parte del territorio; in seguito i ghiacciai hanno cominciato a ritirarsi e poi nell’età del ferro hanno cominciato a stabilirsi delle popolazioni. I primi furono i Reti e i Galli, poi ci furono i Romani.

Dalla caduta dell'Impero Romano alla nascita del Principato Vescovile[modifica | modifica wikitesto]

Con la caduta dell’impero romano, le Alpi erano un buon territorio da conquistare per i barbari. Alla metà dell’anno 500 i Longobardi crearono il ducato di Trento, considerato di importanza strategica, anche nell’impero Carolingio. Il territorio alpino era sempre più considerato autonomo, anche dopo la caduta del Sacro Romano Impero questo territorio era voluto dai regnanti. Dopo molte conquiste il Trentino-Alto Adige venne ceduto al regno tedesco e dai tedeschi venne conquistato dalla Baviera. La nascita del Principato Vescovile di Trento, nel 1027, è una conseguenza della politica dell'imperatore Corrado II il Salico. I vescovi non avevano diritto a un successore e questa era una scelta dell’ imperatore e per evitare che le dinastie dei vescovi prendessero il controllo.

La nascita della comunità di Fiemme e gli avvocati della Chiesa[modifica | modifica wikitesto]

I primi due secoli furono di grande prosperità: quando vennero firmati i Patti Gebardiani, nacque la Magnifica Comunità di Fiemme, prima comunità repubblicana, senza vassallaggio. Il potere dei principi-vescovi non si estendeva al di fuori della regione e Federico Wanga rafforzò il potere vescovile. Con la concessione del Comitato di Trento, il vescovo ebbe dei poteri principeschi, molto estesi per l’epoca: era sotto l’imperatore nella piramide politica, esercitava le sue funzioni pubbliche, ma la sua carica ecclesiastica gli impediva di comandare, difendere il territorio e imporre le leggi. Nacque l’avvocato della Chiesa: per la prima volta l’incarico fu affidato ai conti di Flavon, poi ai conti del Tirolo che fecero diventare questo incarico ereditario, facendoli così acquistare molto potere, anche se, essendo vescovi, non avrebbero avuto il diritto di governare.