Marco van Basten

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
(Reindirizzamento da Marco Van Basten)
Marco van Basten

Marco van Basten (2).jpg

Nome
Cognome
Sesso
Luogo di nascita
Data di nascita
Luogo di morte
Data di morte
Attività
Marco
van Basten
M
Utrecht
31 ottobre 1964


allenatore, ex calciatore

Marcel van Basten, detto Marco, è un allenatore ed ex calciatore di ruolo attaccante, per tre volte vincitore del Pallone d'oro (1988-1989-1992) e campione d'Europa con la Nazionale olandese nel 1988.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mosse i primi passi all'Ajax dove ha giocato per sei anni dal 1981 al 1987 collezionando 133 presenze e 128 gol. Van Basten esordì in prima squadra il 3 aprile 1982 al posto di uno dei calciatori più grandi di sempre: Johan Cruijff. Ebbe la sua prima convocazione nella nazionale maggiore dei Paesi Bassi nel 1983, a soli 19 anni, contro l'Italia dove segnò 3 gol. Il 1986 segna però l'inizio dei suoi molteplici infortuni, resta fermo per 3 mesi e si fa operare in Svizzera.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Marco Van Basten passa al AC Milan nel 1987; la società rossonera lo compra per 1 miliardo e 75 milioni di lire. L'esordio arriva nuovamente con un gol per Il cigno di Utrecht (così soprannominato per la sua eleganza nel gioco e le sue origini) contro il Bari calcio in Coppa Italia. Parte bene la sua avventura nel Milan ma la caviglia inizia a dargli problemi dopo il match di Coppa UEFA contro l'Espanyol. Si opera nuovamente e resta inattivo per 6 mesi.

Marco van Basten con la Nazionale maggiore olandese ha disputato 58 partite segnando 24 gol. Ha debuttato in una partita di qualificazione all'Europeo 1984 il 7 settembre 1983. È riuscito a segnare 5 gol in una sola partita con la maglia della Nazionale, nella partita di qualificazione agli Europei 1992 Malta-Olanda 0-8.

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

L'AC Milan nel 1988 torna in UEFA Champions League dopo 9 anni; in quella stagione Marco Van Basten metterà a segno ben 32 gol di cui 19 in Serie A, 9 in Coppa Campioni, 3 in Coppa Italia e 1 in Supercoppa Italiana con cui conquisterà l'ambito Pallone d'oro 1989. vincerà altri due palloni d'oro, quello del 1990 e quello del 1992, dove segnerà rispettivamente 19 e 25 gol in Serie A.

L'operazione fatale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo altri infortuni avuti alla stessa caviglia nel corso degli anni, nel 1995 annuncia il suo ritiro dal calcio, a soli 30 anni. La Gazzetta dello Sport commenta la notizia titolando Dove troveremo un altro come lui?, mentre l'amministratore delegato del Milan Adriano Galliani commenta così: Il calcio perde il suo Leonardo da Vinci.