Basilicata

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Basilicata
regione
Regione-Basilicata-Stemma.svg
(dettagli)
Flag of Basilicata.svg
(dettagli)
Map of region of Basilicata, Italy, with provinces-it.svg
Province
Localizzazione
Stato Flag of Italy.svg Italia
Amministrazione
Capoluogo Potenza
Presidente della Regione Vito Bardi (FI)
Vicepresidente della Regione Francesco Fanelli (Lega)
Presidente del CR Carmine Cicala (Lega)
Sindaco di Potenza Mario Guarente (Lega)
Data di istituzione 1948[1]
Territorio
Altitudine 633 m s.l.m.
Superficie 10 073,32 km2
Abitanti 562 869 (31-12-2018)
Densità 55,88 ab. km2
Province Potenza, Matera
Comuni 131 comuni
Confini Calabria, Campania, Puglia
Altre informazioni
Lingue italiano
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 17
ISO 3166-2 IT-67
Nome degli abitanti lucani
Targa I
Patrono Madonna Nera del Sacro Monte di Viggiano, San Donatello, San Gerardo Maiella
PIL (PPA) 10,9 mld
PIL procapite (PPA) 18 021
Rappresentanza parlamentare 6 deputati e 7 senatori
Cartografia
Basilicata in Italy.svg
Sito istituzionale

La Basilicata è una regione italiana. Il suo capoluogo è Potenza. Il presidente della regione è Marcello Pittella.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La Basilicata confina a nord con la Puglia; ad est con il mar Ionio; ad ovest con la Campania; a sud con la Calabria. Si affaccia a ovest sul Mar Tirreno nel Golfo di Policastro; e a sud sul Mar Ionio, nel Golfo di Taranto. Occupa i bacini dei principali fiumi appenninici che sfociano nel Golfo di Taranto: il Bradano, il Basento, il Cavone, l'Agri, ilSinni, di regime irregolare. Il territorio è 47% di montagna 45% di collina e 8% di pianura. Possiede un'unica grande pianura: la Piana di Metaponto. I massicci del Pollino (Serra Dolcedorme - 2.267 m) e del Sirino (Monte Papa - 2.005 m), il Monte Alpi (1.900 m), il Monte Raparo (1.764 m) e il complesso montuoso della Maddalena (Monte Volturino - 1.835 m) costituiscono i maggiori rilievi dell'Appennino lucano. Nell'area nord-occidentale della regione è presente un vulcano spento, il monte Vulture. Le colline costituiscono il 45,13% del territorio e sono di tipo argilloso, soggette a fenomeni di erosione che danno luogo a frane e smottamenti.

Province[modifica | modifica wikitesto]

Il tipico paesaggio di Matera

Le città sono 25 e sono: Potenza, Matera, Marsicovetere, Muro Lucano, Tito, Scanzano Jonico, Senise, Montallbano Jonico, Pignola, Nova Siri, Sant'Arcangelo, Picerno, Genzano di Lucania, Pisticcio, Lavello, Melfi, Policoro, Rionero in Vulture, Lauria, Benalda, Venosa, Avigliano, Lagonegro.

Tra cui due province che sono Potenza e Matera.

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma della Basilicata è un'emblema della Regione della Basilicata.

Raffigura, sullo scudo francese con sfondo bianco, quattro onde azzurre che rappresentano i fiumi più importanti della regione: il Bradano, il Basento, l'Agri e il Sele. Fu adottato con la legge regionale del 22/06/1973: lo stemma della Regione Basilicata é costituito da una fascia di quattro onde di azzurro in campo argento. Questo stemma fu scelto, tra i tre proposti dalla Commissione incaricata di proporre lo stemma, per " l'elegante semplicità unità al simbolismo chiaro e significativo. Le altre proposte erano la rappresentazione di una catena di monti o la rappresentazione delle cosiddette Tavole Palatine. Il 22 Giugno del 1973 il consiglio della regione Basilicata approvò la legge sulla determinazione sul gonfalone di colore azzurro mare reca al cerchio lo stemma con le quattro onde di colore azzurro in un campo d'argento ha l' iscrizione centrale in oro :regione Basilicata.

Il sito UNESCO[modifica | modifica wikitesto]

Il sito UNESCO è dato dai Sassi della Matera. I Sassi rappresentano la parte anteriore della città di Matera.

Gastronomia[modifica | modifica wikitesto]

I piatti tipici sono: fusilli con la mollica, torta salata di Pasqua, Rafanata, Maiale ai peperoncini sott' aceto, Agnello alla lucana, Bacalà con peperoni, legane e ceci, cavatelli e broccoli.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

La Basilicata è una regione dell’Italia Meridionale che si affaccia per brevi tratti costieri sia sul Mar Tirreno, che sullo Ionio. Il clima della Basilicata è Mediterraneo lungo le coste, ma assume presto caratteristiche continentali procedendo verso l’interno, dove sui rilievi maggiori della Basilicata presenta caratteristiche tipiche di alta montagna.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Settore primario[modifica | modifica wikitesto]

Nel settore primario c'è molto allevamento di pecore e capre; l'agricoltura è scarsa destinata all'autoconsumo.

Settore secondario[modifica | modifica wikitesto]

Lo sfruttamento dei giacimenti di metano ha creato nuovi posti di lavoro. L'industria si sta sviluppando soprattutto a Matera e a Potenza.

Settore terziario[modifica | modifica wikitesto]

La regione è molto bella con città interessanti e un bel mare, ma il turismo è ancora non molto sviluppato ed adeguate strade e ferrovie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Lucania era molto più vasta della Basilicata;oltre comprendeva altre due regioni la Campania e la Calabria. Non comprendeva le terre del est del fiume Bradano, perciò Matera non faceva parte della Lucania.

Lucania[modifica | modifica wikitesto]

La Lucania era una regione storica dell'Italia antica e corrispondeva al territorio nel quale le genti italiche di lingua osca si cristallizzarono nel popolo dei Lucani, a partire dal V secolo a.C. La regione comprendeva quasi tutta l'odierna Basilicata, con l'esclusione della zona settentrionale del Vulture (il territorio di Venosa) e della zona più orientale oltre il fiume Bradano dove si trova Matera, ma con l'aggiunta a ovest del Cilento e del Vallo di Diano oggi in Campania, e sud-ovest fino al fiume Lao oggi in Calabria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. Operativa dal 1970

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gabriella Porino, Capo Horn, Lattes, 2011, ISBN 978-88-8042-542-7

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]