Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno di te!
Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno del tuo aiuto per partecipare a un sondaggio sui contributori e sui lettori di Vikidia. Ti basteranno solo 10 minuti e ci permetteranno di conoscervi meglio e migliorare l'enciclopedia.
Hai tempo dal 12 luglio al 30 settembre per rispondere. Ti ringraziamo in anticipo!

Link al sondaggio (in lingua francese)

Bismuto

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Wiki2map logo.svg
Leggi come una mappa mentale
Bismuto
Aspetto dell'elemento
Bismuto allo stato solido
Dati fisico/chimici
Piombo ← Bismuto → Polonio
Numero atomico 83
Simbolo Bi
Temperatura di fusione 271,4 °C
Temperatura di ebollizione 1 564 °C
Anno della scoperta 1753
Scopritore Claude Geoffroy Junine


Il bismuto è l'elemento chimico di numero atomico 83. Il suo simbolo è Bi. È di colore bianco-rose ed è un metallo pesante e fragile.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Era già utilizzato nel XV secolo e nell'antichità, ma veniva scambiato per piombo e stagno data la somiglianza. Fu Claude Geoffroy Juine nel 1753 a dimostrare che era un elemento a sé.

L'origine del nome non è chiara: deriva dalla parola tedesca Wismut che ha un significato incerto, si pensa possa significare "metallo bianco" o che derivi dal nome di una miniera.

Il nome è stato latinizzato in bisemutum, ma non si sa con precisione chi sia stato.

Disponibilità[modifica | modifica wikitesto]

I principali produttori sono Canada, Bolivia, Giappone, Messico e Perù. Negli stati uniti d'America viene prodotto come sottoprodotto della lavorazione di rame, oro, argento, stagno e piombo.

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

È usato principalmente nel campo siderurgico e per la preparazione di leghe per i fusibili di leghe per i fusibili.