Argento

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Rappresentazione dell'atomo di argento: attorno al nucleo ruotano 47 elettroni.

Il simbolo dell'argento è Ag. Ha numero atomico pari a 47 e il suo peso atomico è di circa 107,87 uma.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il suo nome deriva dal greco αργύριον o dal latino argentum e significa "splendente, candido, bianco". 

Diffusione in natura[modifica | modifica wikitesto]

In natura si trova sia puro che combinato con lo zolfo, l’arsenico, l’antimonio o il cloro. Si trova principalmente in Canada, Australia, Stati Uniti e Messico.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

L’argento è bianco, lucido e tenero; è un ottimo conduttore di calore e elettricità. È allo stato solido ma diventa liquido (temperatura di fusione) 961,78°. Ha una temperatura di ebollizione 2162° e a 20 gradi ha una densità di 10,49 g/cm(3). Ha il peso specifico di 102907 N/m(3)

Caratteristiche chimiche[modifica | modifica wikitesto]

L'argento è un metallo molto duttile e malleabile, appena più duro dell’oro, con una lucentezza metallica. Ha la maggiore conducibilità elettrica tra tutti i metalli, superiore persino a quella del rame che però è più utilizzato per via del minore costo. Ha anche la più alta conducibilità termica, il colore più bianco, la maggiore riflettanza della luce visibile e la minore resistenza all'urto. L'argento è stabile nell'aria pura e nell'acqua pura.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L’argento è noto fino dall’antichità. È menzionato già in testi cuneiformi e nel libro della Generi questo indica che l'argento già nel IV Millennio a.C. veniva separato dal piombo, nel periodo degli Incas nell'antico Perù, come merce di scambio e come base per molti sistemi monetari. È stato a lungo considerato il secondo metallo più prezioso, dopo l’oro l'argento è associato alla Luna e a divinità lunari e femminili. L'argento dà il nome ad una nazione, l’Argentina, ed al suo principale fiume, il Rio de la plata – dal suo nome spagnolo, plata. Mentre l'oro resta però in parte nei forzieri delle banche centrali l'argento fu man mano completamente liquidato. Questa immensa quantità d'argento "liberata" dalle funzioni monetarie ha causato fino a tempi recentissimi una grande disponibilità di metallo, nonostante la produzione mineraria fosse di gran lunga inferiore ai consumi. inoltre la svalutazione dell'argento nei secoli è avvenuta in modo lento e graduale e non improvvisamente come per la carta-moneta, i cui possessori caddero nella miseria.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli usi più comuni dell'argento vi sono la coniazione di monete, oppure per la produzione di utensili o di gioielli e altri oggetti preziosi, prodotti resistenti ai processi di corrosione e ossidazione. L'argento è inoltre un ottimo prodotto antimicrobico e non presenta caratteristiche tossiche. Per questi motivi ne viene fatto largo uso nell'industria farmaceutica e in molti prodotti di consumo. Viene anche usato per il trattamento della pelle, supporti per la memorizzazione dei dati, prodotti personali, conserva il latte, batterie di lunga durata, vetrate, motori, stampanti 3D, guanti touch screen, purificazione e pulizia delle acque, trattamenti per smettere di fumare, detergenti per pulizie, produzione della plastica, conservazione del legno, alcuni tipi di fuochi d’artificio, fotografia, pannelli solari.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Wikipedia