Torrevecchia Teatina

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Torrevecchia Teatina
Errore nella creazione della miniatura: File mancante

Stemma del comune
Nazione
Popolazione
Superficie
Sindaco
Italia
4 206 (2 017)
14.68 km2
Katja Baboro (Lista civica[1])
Localizzazione di Torrevecchia Teatina nella provincia di Chieti

Torrevecchia Teatina è un comune italiano di 4.206 abitanti della provincia di Chieti in Abruzzo.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Confini[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Diodoro Siculo fa risalire la conquista romana di Pollitium nel 311 a.C. Subito dopo la sconfitta, il popolo di Pollitium fu costretto all'esilio nelle vicinanze di Interamnia (Teramo).

Nel XIV secolo il comune viene chiamato Castri Turris e Turris Theatina. Nel 1743 Federico Valignani fece erigere un palazzo proprio nel centro cittadino; fu chiamata quindi Villa Valignani e segui le vicende della vicina Teate. Nel 1809 Torrevecchia fu eretto a comune riunendo così i due centri di Castelferrato e Torremontanara.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Rocco. La chiesa di San Rocco è sita nel centro urbano del comune.
  • Chiesa della Madonna della Libera. La chiesa è sita nella località Torre ed è stata realizzata negli anni '60 dal popolo di Torre.
  • Chiesa di San Giuseppe. È sita in località Castelferrato. È stata costruita tra il XVII ed il XVIII secolo. È in stile pseudobarocco abruzzese. È a pianta basilicale con volta a botte. L'interno è ricco di decorazioni della tradizione artistica minore abruzzese.[4]
  • Chiesa di San Pasquale Baylon. È sita nella località Torremontanara.
  • Palazzo Valignani. Fu Federico Valignani marchese e signore di Cepagatti che volle la costruzione del palazzo nel 1743 come residenza estiva.

Popolazione e società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica di Torrevecchia Teatina

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. La lista si chiama Unione è forza

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sito istituzionale