Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno di te!
Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno del tuo aiuto per partecipare a un sondaggio sui contributori e sui lettori di Vikidia. Ti basteranno solo 10 minuti e ci permetteranno di conoscervi meglio e migliorare l'enciclopedia.
Hai tempo dal 12 luglio al 30 settembre per rispondere. Ti ringraziamo in anticipo!

Link al sondaggio (in lingua francese)

Stagno (elemento chimico)

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Wiki2map logo.svg
Leggi come una mappa mentale
Stagno
Aspetto dell'elemento
Grigio argenteo lucido
Dati fisico/chimici
Indio ← Stagno → Antimonio
Numero atomico 50
Simbolo Sn
Temperatura di fusione 231 93 °C
Temperatura di ebollizione 2 602 °C
Anno della scoperta Antichità
Scopritore



Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo stagno è un metallo malleabile e molto duttile bianco argenteo,

Precauzioni[modifica | modifica wikitesto]

Le piccole quantità di stagno che si possono trovare nei cibi in scatola non sono dannose per gli esseri umani. Però, i composti trialchilici e triarilici dello stagno sono biocidi, e devono essere maneggiati con moltissima attenzione.

Disponibilità[modifica | modifica wikitesto]

Si può trovare nel sudest asiatico


Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

Lo stagno si lega facilmente col ferro ed è stato usato in passato per rivestire piombo, zinco e acciaio per impedirne la corrosione. I contenitori, lattine e scatolette, in banda stagnata (lamierino di acciaio stagnato) sono tuttora largamente usati per conservare i cibi, un uso che copre gran parte del mercato mondiale dello stagno metallico. Oltre alla forma metallica trovano largo impiego industriale diversi dei numerosi composti, organici ed inorganici, dello stagno IV.