Prima Repubblica Spagnola

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Prima Repubblica Spagnola

Flag of the First Spanish Republic.svg
Dati amministrativi
Capitale Madrid
'
'
Forma di governo Repubblica semipresidenziale
Dati geografici
Superficie N/D
Continente Europa
Altri dati
Lingue ufficiali spagnolo
Popolazione N/D
Valuta Peseta spagnola
Fuso orario UTC +1
Stemma della Prima Repubblica Spagnola

Prima Repubblica Spagnola è il nome del primo tentativo di repubblica istituita in Spagna. Il suo nome ufficiale era República Española, e fu lo stato democratico del Paese iberico esistito dall'11 febbraio 1873 al 29 dicembre 1874 (data della restaurazione della monarchia).

Essa fu la prima espressione di libertà evocata dalla Rivoluzione francese che trovò compiuta realizzazione in Spagna. Il succedersi dei cinque presidenti è il sintomo più evidente dell'instabilità politica, che ha portato al dissolvimento della Prima Repubblica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il periodo federale[modifica | modifica wikitesto]

L'11 febbraio 1873 il re Amedeo di Savoia rinunciò al trono davanti alle Cortes , e alle dieci di sera della stessa giornata in Spagna venne proclamata la repubblica, che nacque senza alcun appoggio sociale o politico.

Il primo presidente fu Estanislao Figueras e dopo la vittoria repubblicana nelle elezioni, la maggioranza federalista consegnò il potere a Francisco Pi y Margall, principale teorico del federalismo repubblicano, i cui principi si riflettevano nel progetto di Costituzione federale del 1873. Stabiliva la separazione tra Chiesa e Stato e un modello di Spagna a partire di una federazione di 15 stati federali:

  1. Andalusia Alta;
  2. Andalusia Bassa;
  3. Aragona;
  4. Asturie;
  5. Baleari;
  6. Canarie;
  7. Vecchia Castiglia;
  8. Nuova Castiglia;
  9. Catalogna;
  10. Estremadura;
  11. Galizia;
  12. Murcia;
  13. Navarra;
  14. Valencia;
  15. Paesi Baschi.

La Spagna era in una situazione di perenne conflittualità sociale e politica. Le tensioni sociali si manifestarono in forma di scioperi operai e occupazioni delle terre da parte dei contadini e nel fenomeno del "cantonalismo".

Il cantonalismo[modifica | modifica wikitesto]

La caduta di Francisco Pi y Margall diede una svolta centralista al regime democratico. Numerose popolazioni si dichiararono repubblica o cantoni indipendenti come Valencia, Murcia e Andalusia. Molti dichiararono guerra allo Stato centrale, e in qualche caso tra di loro. Queste insurrezioni di artigiani, bottegai e salariati furono capeggiate da repubblicani intransigenti. Furono però soffocati con durezza dall'esercito.

Il periodo presidenziale (3 gennaio 1874 - 29 dicembre 1974) e la fine[modifica | modifica wikitesto]

I poteri straordinari di Castelar cessarono nel gennaio 1874. La maggioranza parlamentare, era disposta a sostituire Castelar e a ritornare ai principi federali. Tuttavia, la borghesía industriale e finanziaria affidarono all'esercito l'imposizione di un regime di ordine. Il 3 gennaio, il generale Manuel Pavía, capitano generale di Madrid, fece un colpo di Stato. Al comando di un gruppo della Guardia Civil occupò il Parlamento e dissolse le Cortes. Il governo e la presidenza della Repubblica passò in mano del generale Francisco Serrano, che instaurò una dittatura. In questa congiuntura, Antonio Cánovas del Castillo prepara la restaurazione borbonica. Ottenuta la abdicazione di Isabella II, la corona passa ad Alfonso XII.

Presidenti della Prima Repubblica Spagnola[modifica | modifica wikitesto]

Nome Ritratto Insediamento Dimissioni Collocazione politica
Estanislao Figueras y Moragas Figueras y Moragas.jpg 11 febbraio 1873 11 giugno 1873 Repubblicano federalista
Francisco Pi y Margall Pi y margall.jpg 11 giugno 1873 18 luglio 1873 Repubblicano federalista
Nicolás Salmerón Alonso Nicolas Salmeron.jpg 18 luglio 1873 7 settembre 1873 Repubblicano moderato
Emilio Castelar y Ripoll Emilio Castelar Ripoll 1901 Joaquín Sorolla y Bastida.jpg 7 settembre 1873 3 gennaio 1874 Repubblicano unitarista
Francisco Serrano y Domínguez Francisco-serrano.jpg 3 gennaio 1874 30 dicembre 1874 Repubblicano conservatore

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]