Po

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Carta geografica del nord-Italia con il bacino idrico del Po.

Il Po è un fiume del nord dell'Italia. La sua lunghezza di 652 km lo rende il più lungo fiume interamente compreso nel territorio italiano, quello con il bacino più esteso (circa 71 000 km²) e anche quello con la massima portata d'acqua alla foce. Nasce dal Monviso, in Piemonte, e sfocia nel Mare Adriatico.

Corso del fiume[modifica | modifica wikitesto]

La sorgente del Po si trova in provincia di Cuneo sulle Alpi Cozie, ai piedi del Monviso. Sbocca poi in pianura ricevendo vari affluenti ed aumentando così la portata del fiume che entra successivamente nel territorio della città metropolitana di Torino attraversandone il capoluogo. Dopo aver costeggiato le estreme propaggini del Monferrato, giunge nel territorio Vercellese dove riceve le acque di importanti affluenti come la Dora Baltea e il Sesia. Il fiume entra poi in provincia di Alessandria, bagnando le città di Casale Monferrato e Valenza. Successivamente entra in territorio lombardo scorrendo in provincia di Pavia. A pochi km da Pavia riceve il contributo del Ticino, suo principale tributario per volume d'acqua. Il fiume scorre poi per parecchi km nella zona di confine tra Lombardia ed Emilia-Romagna, bagnando alcuni capoluoghi come Piacenza e Cremona e scorrendo all'interno della provincia di Mantova. In questa zona riceve le acque dagli affluenti alpini, tra i quali: Adda, Oglio e Mincio. Il fiume scorre quindi sul confine tra la provincia di Rovigo in Veneto e la provincia di Ferrara in Emilia-Romagna. Qui il fiume si divide in cinque rami principali e quattordici bocche, iniziando il suo delta ampio circa 380 km². Il fiume sfocia quindi nel mare Adriatico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Quill-Nuvola.svg Questa sezione è vuota, modificala


Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Quill-Nuvola.svg Questa sezione è vuota, modificala


Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]