Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno di te!
Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno del tuo aiuto per partecipare a un sondaggio sui contributori e sui lettori di Vikidia. Ti basteranno solo 10 minuti e ci permetteranno di conoscervi meglio e migliorare l'enciclopedia.
Hai tempo dal 12 luglio al 30 settembre per rispondere. Ti ringraziamo in anticipo!

Link al sondaggio (in lingua francese)

Guerra fredda

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Wiki2map logo.svg
Leggi come una mappa mentale
Questo voce è una bozza sull'argomento "storia", modificalo
La divisione dell'Europa ai tempi della Cortina di Ferro (blu: il campo occidentale; la linea nera: la "Cortina di Ferro"; rosso: il blocco comunista)
Il muro di Berlino.

La guerra fredda fu un lungo periodo di tensione tra le democrazie del mondo occidentale e i paesi comunisti dell’Europa orientale. Nel secondo dopoguerra, tra Stati Uniti e Unione Sovietica (e i rispettivi alleati) si instaurò una rivalità aperta, sebbene mai dichiarata ufficialmente.

Il termine fu poi usato per la prima volta negli Stati Uniti dal finanziere americano e consigliere presidenziale Bernard Baruch in un discorso alla State House di Columbia, nella Carolina del Sud, nel 1947.

Infobox collage for Cold War

Le origini della guerra[modifica | modifica wikitesto]

Durante la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica avevano combattuto insieme come alleati contro le potenze dell’Asse. Tuttavia, il rapporto tra le due nazioni era teso. Gli americani erano stati a lungo diffidenti nei confronti del comunismo sovietico e temevano il dominio tirannico del leader russo Joseph Stalin sul suo Paese.

Da parte loro, i sovietici si erano risentiti del rifiuto decennale degli americani di trattare l’URSS come parte legittima della comunità internazionale e del loro ritardato ingresso nella seconda guerra mondiale, che aveva provocato la morte di decine di milioni di russi. Dopo la fine della guerra, questi attriti maturarono in un senso schiacciante di sfiducia e inimicizia reciproche.

La strategia di contenimento e la corsa agli armamenti[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine della seconda guerra mondiale, la maggior parte dei funzionari americani era d’accordo sul fatto che la migliore difesa contro la minaccia sovietica era una strategia chiamata “contenimento”. Questa implicava il contenimento a lungo termine, paziente ma fermo e vigile delle tendenze espansive russe.

La strategia di contenimento ha anche fornito il pretesto per un accumulo di armi senza precedenti negli Stati Uniti.

In particolare, i funzionari americani incoraggiarono lo sviluppo di armi atomiche come quelle che avevano posto fine alla seconda guerra mondiale. Iniziò così una micidiale “corsa agli armamenti”. Nel 1949, i sovietici testarono una loro bomba atomica. In risposta, il presidente Truman annunciò che gli Stati Uniti avrebbero costruito un’arma atomica ancora più distruttiva: la bomba all’idrogeno. Stalin seguì l’esempio.

Di conseguenza, la posta in gioco della guerra fredda era pericolosamente alta. Il primo test della bomba H, nell’atollo Eniwetok nelle Isole Marshall, ha dimostrato quanto potesse essere spaventosa l’era nucleare.

La guerra fredda si estende allo spazio[modifica | modifica wikitesto]

L’esplorazione dello spazio è stata un’altra drammatica arena per la competizione della guerra fredda. Il 4 ottobre 1957, un missile balistico intercontinentale sovietico R-7 lanciò Sputnik, il primo satellite artificiale al mondo.

Nel 1958, gli Stati Uniti lanciarono il proprio satellite, Explorer I, progettato dall’esercito americano sotto la direzione dello scienziato missilistico Wernher von Braun. Nello stesso anno, il presidente Dwight Eisenhower firmò un ordine pubblico creando la NASA, un’agenzia federale dedicata all'esplorazione dello spazio, nonché diversi programmi che cercavano di sfruttare il potenziale militare dello spazio. Tuttavia, i sovietici erano un passo avanti, lanciando il primo uomo nello spazio nell’aprile 1961.

Quel maggio, dopo che Alan Shepard divenne il primo uomo americano nello spazio, il presidente John F. Kennedy fece l’affermazione pubblica audace che gli Stati Uniti avrebbero fatto sbarcare un uomo sulla luna entro la fine del decennio. La sua previsione divenne realtà il 20 luglio 1969, quando Neil Armstrong della missione Apollo 11, divenne il primo uomo a mettere piede sulla luna, vincendo effettivamente la “Space Race” per gli americani.

La fine della guerra[modifica | modifica wikitesto]

Non appena entrato in carica, il presidente Richard Nixon iniziò ad attuare un nuovo approccio alle relazioni internazionali. Invece di vedere il mondo come un luogo “bi-polare” ostile, suggerì di ricorrere alla diplomazia invece dell’azione militare. A tal fine, incoraggiò le Nazioni Unite a riconoscere il governo comunista cinese e, dopo un viaggio lì nel 1972, iniziò a stabilire relazioni diplomatiche con Pechino.

Nel 1972, lui e il premier sovietico Leonid Brezhnev firmarono il Trattato sulla limitazione delle armi strategiche (SALT I), che proibiva la fabbricazione di missili nucleari da entrambe le parti e fece un passo verso la riduzione della minaccia decennale della guerra nucleare.

Nel frattempo, l’Unione Sovietica si stava disintegrando. In risposta ai gravi problemi economici e al crescente fermento politico in URSS, il Premier Mikhail Gorbachev entrò in carica nel 1985 e introdusse due politiche che ridefinirono il rapporto della Russia con il resto del mondo

L’influenza sovietica nell’Europa orientale iniziò a diminuire. Nel 1989, ogni stato comunista dell’ex blocco sovietico sostituì il suo governo con uno non comunista. Nel novembre di quell’anno, il muro di Berlino fu infine distrutto.

Nel 1991 la stessa Unione Sovietica crollò. La guerra fredda era finita.