John Fitzgerald Kennedy

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
John Fitzgerald Kennedy

John F. Kennedy, White House color photo portrait.jpg

Nome
Cognome
Sesso
Luogo di nascita
Data di nascita
Luogo di morte
Data di morte
Attività
John Fitzgerald
Kennedy
M
Brookline (Massachusetts)
29 maggio 1917
Dallas
22 novembre 1963
politico

John Fitzgerald Kennedy, conosciuto semplicemente come John Kennedy o JFK, è stato un politico statunitense, 35º presidente degli Stati Uniti d'America.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Candidatura e elezioni[modifica | modifica wikitesto]

Fu candidato del Partito Democratico, vinse le elezioni nel 1960 diventando il presidente degli Stati Uniti d'America. La sua carica durò solo per tre anni perchè nel 1963 venne assassinato.

Ideali[modifica | modifica wikitesto]

Kennedy era convinto che agli Stati Uniti spettasse il ruolo di guida politica ed ideologie del mondo, lui mirava a riconquistare fiducia e credibilità da spendere sia all'estero, sia all'interno dei confini nazionali[1].

Morte[modifica | modifica wikitesto]

La tomba di J. F. Kennedy.

Kennedy venne ucciso il 22 novembre 1963 a Dallas, in Texas[2]. L'assassino fu Lee Harvey Oswald, venne ucciso a sua volta da Jack Ruby, due giorni dopo, prima che potesse essere processato. In seguito, nel 1979, si dichiarò che l'atto di Oswald potrebbe essere stato frutto di cospirazione.

L'assassinio di Kennedy fu un evento molto sentito nella storia degli Stati Uniti per l'impatto che ebbe sulla nazione e sulla politica del Paese, sia in politica interna come i diritti civili per i neri (cioè gli afro-americani)[3] sia in quella esterna soprattutto per la crisi di Cuba nel 1961, contro l'allora Unione Sovietica[4]. La figura di Kennedy è tutt'ora apprezzata e stimata.

La vicepresidenza Johnson[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte di Kennedy il compito di completare il processo di pacificazione sociale passò nelle mani del vicepresidente Lyndon B. Johnson. Forte del benessere di cui godeva l'economia, Johnson portò avanti un programma di riforme finalizzato al raggiungimento di una Grande società. Malgrado gli innegabili successi, il sogno di una Grande Società si infranse a causa della guerra in Vietnam.

Guerra in Vietnam[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1961 il Presidente Kennedy diede inizio alla guerra a causa del conflitto del rapporto tra USA ed Unione Sovietica, a partire dalla Baia dei Porci, a Cuba, durante la crisi dei missili sovietici dello stesso anno. L'amministrazione Kennedy tentò di tenere sotto il controllo l'area sud-est asiatica (Coree, Taiwan, Laos, Cambogia, Vietnam) molti Paesi erano sotto l'influenza della politica comunista.

Cronostoria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]