Muro di Berlino

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Muro di Berlino

Il Muro di Berlino era un muro fatto costruire dal governo della Germania Est per impedire che le persone si spostassero dalla Germania Ovest tra Berlino ovest e Berlino est, territorio della Germania occidentale. È considerato un simbolo della Guerra fredda.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Costruzione del muro di berlino

Il muro, che circondava Berlino Ovest, ha diviso in due la città di Berlino per 28 anni, dal 13 agosto del 1961 fino a 9 novembre 1989. Tra Berlino Ovest e Berlino Est, la frontiera era fortificata sia militarmente che da due muri paralleli di cemento armato, separati dalla cosiddetta striscia della morte, larga alcune decine di metri. Durante questi anni, ci sono dati certi dimostranti la morte di 133 persone mentre cercavano di superare il muro verso Berlino Ovest.

Caduta del muro[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 novembre 1989, dopo settimane di disordini, il governo della Germania Est permise le visite in Germania e Berlino Ovest. Dopo questo permesso molti cittadini dell'Est si arrampicarono sul muro e lo superarono per raggiungere gli abitanti della Germania Ovest dall'altro lato in un'atmosfera festosa.

Grazie all'uso di mezzi industriali, il muro fu definitivamente abbattuto. Nelle settimane seguenti piccole parti del muro furono demolite e portate via dalla folla e dai cercatori di souvenir. Ancora oggi c'è un forte commercio di piccoli pezzi restanti del muro, alcuni falsi.