Europei di calcio 1968

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Questo articolo è una bozza sull'argomento "calcio", modificalo

1leftarrow blue.svg Voce principale: Campionato europeo di calcio.


Europei di calcio 1968

Logo assente

Competizione
Edizione
Luogo
Date
Organizzatore
Vincitore
Miglior giocatore
Capocannoniere
Campionato europeo

Italia
5 - 10 giugno 1968
UEFA
Flag of Italy.svg Italia
-
Dragan Džajić (2)


Il capitano dell'Italia Facchetti alza il trofeo appena vinto

Gli Europei di calcio 1968 sono stati la terza edizione del campionato europeo di calcio. La fase finale si svolse in Italia dal 5 al 10 giugno del 1968. Il trofeo fu vinto dai padroni di casa, al loro primo successo nella competizione. Il capocannoniere fu lo jugoslavo Dragan Džajić con 2 reti.

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Le squadre partecipanti alle qualificazioni furono 31. Alla fase finale si qualificarono 4 squadre: l'Italia che sconfisse nei quarti la Bulgaria, l'Inghilterra che eliminò la Spagna, la Jugoslavia che eliminò la Francia e l'Unione Sovietica che ebbe la meglio sull'Ungheria.

Città ospitanti[modifica | modifica wikitesto]

Le città che ospitarono la fase finale del torneo furono tre: Roma (finali), Napoli e Firenze (semifinali).

Fase finale[modifica | modifica wikitesto]

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Finale 3º posto[modifica | modifica wikitesto]

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Luogo Squadra 1 Squadra 2 Data Risultato
Roma
(Stadio Olimpico)
Flag of Italy.svg Italia Flag of Yugoslavia (1946-1992).svg Jugoslavia 8 giugno 1968 1-1[2]
(d.t.s.)

Ripetizione della finale[modifica | modifica wikitesto]

Luogo Squadra 1 Squadra 2 Data Risultato
Roma
(Stadio Olimpico)
Flag of Italy.svg Italia Flag of Yugoslavia (1946-1992).svg Jugoslavia 10 giugno 1968 2-0

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

  1. Italia
  2. Jugoslavia
  3. Inghilterra
  4. URSS

Campione[modifica | modifica wikitesto]

Italia
1° Titolo di Campione

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. Il regolamento di allora non prevedeva i calci di rigore dopo i tempi supplementari. Se la sfida terminava in parità si procedeva ad un sorteggio. L'Italia vinse il sorteggio, effettuato tramite lancio della moneta da parte dell'arbitro, alla presenza di entrambi i capitani.
  2. Il regolamento di allora prevedeva la ripetizione della partita in caso di pareggio dopo i tempi supplementari.