Apparato riproduttore femminile

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni

L'apparato riproduttore femminile, prevalentemente interno, è più complesso di quello maschile; esso infatti, oltre a produrre cellule sessuali, deve ospitare il nuovo essere, aiutarlo ad accrescersi e infine deve favorirne la nascita.

È costituito essenzialmente dalle ovaie, dall’utero e dalla vagina.

Struttura anatomica[modifica | modifica wikitesto]

Ovaie[modifica | modifica wikitesto]

Le ovaie sono due ghiandole contenenti gli ovuli (cellule sessuali) che si trovano su entrambi i lati dell’utero. Producono e maturano gli ovuli attraverso il processo dell'ovogenesi. Esse secernono (producono) l’estrogeno e il progesterone, ormoni responsabili dello sviluppo dei caratteri sessuali femminili.

Tube di Falloppio[modifica | modifica wikitesto]

Le tube di Falloppio sono due canali situati in prossimità di ciascuna delle due ovaie lungo i quali passa l’ovulo maturo diretto all’ utero. Sono la sede della fecondazione.

L'utero[modifica | modifica wikitesto]

L’utero possiede spesse pareti muscolari che proteggono il feto e si contraggono con forza per spingere il bambino all’esterno durante il parto. E’ costituito da un tessuto muscolare esterno e da una mucosa interna, ricca di vasi sanguigni.

Vagina[modifica | modifica wikitesto]

La vagina, anch’essa di tessuto muscolare e particolarmente elastica, è un canale muscolare lungo 6-7 cm circa, che collega l’utero agli organi sessuali femminili esterni.

Vulva[modifica | modifica wikitesto]

La vulva è la parte più esterna degli organi femminili in cui, in posizione anteriore, sbocca anche l’uretra.


Malattie dell'apparato[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono malattie che possono essere contratte e trasmesse per via sessuale: prendono il nome dell'acronimo M.S.T., ovvero malattie sessualmente trasmissibili.


Fecondazione[modifica | modifica wikitesto]

Wikisaurus.svg Per approfondire vedi la pagina: Fecondazione.

La fecondazione è un fenomeno della riproduzione, che consiste nell'unione di due gameti di sesso diverso e nella fusione dei due nuclei.