Microrganismo

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Questo articolo è una bozza sull'argomento "biologia", modificalo

I microrganismi sono esseri microscopici, non visibili ad occhio nudo, ma solo al microscopio elettronico, che si possono dividere in pluricellulari, unicellulari e eucarioti, procarioti.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Esistono 4 tipi di microrganismi: i batteri, i virus, i protisti, e i funghi microscopici: questi possono essere utili per l'uomo (Es: Batterio Lactobacilli o il Lievito del pane che è un fungo) e altri sono dannosi per l'uomo (Es: Batterio Yersinia, che vive nei ratti e nelle pulci e provoca la peste o il virus del morbillo).

Batteri[modifica | modifica wikitesto]

Wikisaurus.svg Per approfondire vedi la pagina: Batteri.

I batteri fanno parte del regno delle monere e si dividono in batteri e ciano batteri o alghe azzurre. Tutti e due gli insiemi sono unicellulari procarioti, cioè con il materiale nucleare sparso nel citoplasma. I batteri sono microscopici e si riproducono velocemente e facilmente per divisione binaria.

Per la loro forma si dividono in:

Nome batteri Forma
Cocchi Sferici
Bacilli Bastoncino
Spirilli Spirale
Vibrioni Virgola
Testo della cella Testo della cella

Essi si possono riunire nelle colonie, particolari aggregazioni di batteri.

Vita e sopravvivenza[modifica | modifica wikitesto]

I batteri si possono dividere in batteri aerobi, che usano l'ossigeno per vivere, e batteri anaerobi che non hanno bisogno dell'ossigeno per vivere. Quando il batterio si trova in condizioni ambientali sfavorevoli si trasformano nelle spore, forme molto resistenti, che vengono trasportate facilmente dal vento favorendo la propagazione del batterio trasformato.

Come si nutrono i batteri[modifica | modifica wikitesto]

In natura esistono i batteri: autotrofi che si procurano il cibo da se, e gli eterotrofi, che mangiano gli altri organismi per sopravvivere. Poi essi, si dividono ancora in 3 sottoclassi: i parassiti, che vivono a spese di altri organismi (Es: Mycobacterium tubercolosis), i saprofiti che depongono sostanze organiche o resti di altri organismi (Es: Clostridium botulinum), e i simbionti, che vivono con altri organismi traendone vantaggio entrambi (Es: Noduli di Rhizobium su radici di leguminosa).

La morte dei batteri[modifica | modifica wikitesto]

I batteri possono morire in diversi modi:

80° Morte di quasi tutti i batteri
100° Morte di tutti i batteri
120° Morte delle spore

Virus[modifica | modifica wikitesto]

Wikisaurus.svg Per approfondire vedi la pagina: Virus.

Quill-Nuvola.svg Questa sezione è vuota, modificala

Protisti[modifica | modifica wikitesto]

Il regno dei protisti comprende gli organismi che venivano classificati come le alghe unicellulari e protozoi. Sono eucarioti, anche se non sono nè animali nè piante nè funghi.

I protozi , in base alla presenza o meno di strutture deputate al movimento , si distinguono in :

Tipo di protozoi Strutture deputate al movimento
Sporozoi Assenti
Flagellati Presenti ( Flagelli)
Ciliati Presenti (Cilia)
Ameboidi Presenti (Estroflessioni della membrana plasmatica, dette pseudopodi)

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni sono saprofagi ( in questo caso sono simili alle ife fungine), altri sono parassiti di altri organismi, altri sono predatori.

Esempi di malattie provocate da protozoi[modifica | modifica wikitesto]

Malaria

Malattia di Chagas

Tripanosomiasi africana

Funghi[modifica | modifica wikitesto]

Quill-Nuvola.svg Questa sezione è vuota, modificala