Criteri di divisibilità

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni

I criteri di divisibilità permettono di verificare la divisibilità di un numero intero per un fattore. Un numero è divisore di un altro numero quando lo divide in parti uguali senza resto.

Cosa sono[modifica | modifica wikitesto]

Sono regole che indicano per quali divisori può essere diviso qualsiasi numero naturale.

A cosa servono[modifica | modifica wikitesto]

Vengono utilizzati per stabilire se un numero è divisibile per un altro numero senza eseguire la divisione.

  • x 2: se l'ultima cifra è pari (es. 104:2 = 52)
  • x 3: se la somma delle sue cifre è 3 o un multiplo di 3 (es. 15:3 = 5 -> 1+5 = 6)
  • x 4: se le sue ultime 2 cifre sono 00 oppure un multiplo di 4 (es. 200 : 4 = 50)
  • x 5: se l'ultima sua cifra è 0 o 5 (es. 1200:5 = 240)
  • x 6: se è divisibile per 3 ed è pari (es. 36:6 = 6 -> 3+6 = 9)
  • x 7: se la differenza tra il numero senza le unità e il doppio delle unità è un multiplo di 7 (es. 490:7 = 70 -> 49-(0x2) = 49)
  • x 8: se è multiplo di 2 e 4 (es. 64:8 = 8)
  • x 9: se la somma delle sue cifre è un multiplo di 9 (es. 72:9 = 8 -> 7+2 = 9)
  • x 10: se la sua ultima cifra è 0 (es. 230:10 = 23)