Zecchino d'Oro

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Zecchino d'Oro

Tortorella 1968.jpg

Genere
Paese
Presentatore
Regista
Emittente
Anno di produzione
musicale, TV per ragazzi
Flag of Italy.svg Italia
Cino Tortorella ed altri
Igor Skofic (dal 2012)
Rai
1959-oggi



Lo Zecchino d'Oro è una manifestazione musicale rivolta ai bambini ideata da Cino Tortorella trasmesso anche in televisione dalle reti Rai, che ha luogo ogni anno in Italia a partire dal 1959. La manifestazione è conosciuta anche come Festival Internazionale della Canzone del Bambino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo Zecchino d'Oro nacque nel 1959 ideato da Cino Tortorella, allora già famoso come intrattenitore televisivo per bambini. Il nome della manifestazione deriva dalla prima edizione, che venne basata sulla favola di Pinocchio di Carlo Collodi. Durante il programma nascevano degli zecchini d'oro da un'albero, appunto come nella favola di Pinocchio. Divenne inoltre famosa la canzone Lettera a Pinocchio, interpretata poi da Johnny Dorelli. Nel 1961 la manifestazione si trasferì a Bologna, dove nacque la collaborazione con Mariele Ventre e successivamente con il Piccolo Coro dell'Antoniano, che tuttora accompagna i cantanti in gara e produce la manifestazione. Nel 1968 la gara fu vinta da Cristina D'Avena, futura cantante di canzoni per bambini. Cino Tortorella presentò la gara fino al 1973 nei panni di un suo personaggio molto conosciuto: il Mago Zurlì. Nel 1976 lo Zecchino d'Oro divenne internazionale, con la partecipazione di 7 canzoni italiane e di 7 canzoni straniere. L'ideatore della trasmissione Cino Tortorella ne è stato per decenni anche il presentatore, fino al 2009. La conduzione fu quindi affidata a Veronica Maya, già conduttrice con Tortorella dal 2006. L'edizione del 2015 è stata presentata da Flavio Montrucchio e Cristèl Carrisi. Durante gli anni sono state molte le canzoni scritte da noti cantautori e parolieri, tra i quali si possono ricordare: Biagio Antonacci, Edoardo Bennato, Toto Cutugno, Lucio Dalla, Riccardo Fogli, Mogol, Pupo, Renato Zero, Pino Daniele, Enrico Ruggeri.