Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno di te!
Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno del tuo aiuto per partecipare a un sondaggio sui contributori e sui lettori di Vikidia. Ti basteranno solo 10 minuti e ci permetteranno di conoscervi meglio e migliorare l'enciclopedia.
Hai tempo dal 12 luglio al 30 settembre per rispondere. Ti ringraziamo in anticipo!

Link al sondaggio (in lingua francese)

Roger Taylor

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Wiki2map logo.svg
Leggi come una mappa mentale
Roger Taylor
Nome
Cognome
Sesso
Luogo di nascita
Data di nascita
Attività
Roger
Taylor
M
King's Lynn, Inghilterra
26 luglio 1949
Batterista.
Roger Taylor .jpg

Roger Taylor è un cantautore e compositore britannico famoso per essere stato il batterista della band Queen. E' stato un grande amico di Freddie Mercury, conosciuto a scuola.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Roger Taylor è nato il 26 luglio del 1949 a King's Lynn in Inghilterra. Si avvicinò alla musica soprattutto durante l’adolescenza, cantando nel coro della Chiesa. Grazie a suo cugino, imparò a suonare la chitarra iniziando con un ukulele. Formò alcune band, tra cui gli “Skiffle”, ma la maggior parte di queste durarono poco, così Roger a quel punto capì di essere più bravo a suonare la Batteria. Nel Natale del 1961, il padre gli regalò la sua prima batteria, perché era stanco di sentirlo suonare con le pentole e con quella iniziò a suonare con alcuni gruppi del suo stesso paese. Nel 1966 Roger diventò il cantante dei “The Reaction” con cui vinse anche un concorso locale di talenti sempre nello stesso anno

Venne obbligato dai genitori a studiare odontoiatria e nel 1967 si trasferì a Londra per iscriversi al London Hospital Medical, ma abbandonò la facoltà e si laureò in biologia.

Nel 1968 un amico di Roger lesse su una bacheca un annuncio in cui si cercava un batterista stile Ginger Baker/Mitch Mitchell. L’amico avvisò Roger il quale trovò il numero sull’annuncio e alla chiamata rispose Brian May. Da quel momento, Roger si unì, come batterista, a Brian May e Tim Staffel creando così gli “Smile”. Tim lasciò il gruppo per andare in un’altra band segnando così la fine degli Smile. Ma, nello stesso anno, Brian e Roger incontrarono Freddie Mercury, il quale venne molto spesso a vedere i loro “concerti”, e decisero così di creare insieme a lui e a John Deacon, che si unì nel 1971, i Queen.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Padre di 5 figli, Roger sposò Dominique Beyrand. I due erano già in crisi, divorziarono e Roger iniziò una relazione con la sua attuale moglie, Sarina Potgieter. Proprio grazie a lei, Roger si accorse di aver perso l’udito diventando così “sordo”. Come tantissimi musicisti della sua epoca, il batterista ha risentito dei volumi altissimi che si tenevano sul palco durante i concerti. La tecnologia a quel tempo era quella che era, quindi l’unica soluzione che aveva era di alzare molto il volume per sentire; che non è il massimo per un batterista…

I suoi figli sono: Tiger Lilly, Rory Eleanor, Lola Daisy, Felix Luther e Rufus.

Quest'ultimo ha seguito le orme del padre. Ora è il batterista dei “The Darkness” una rock band degli anni 2000.

Lo stile[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi Roger Taylor, insieme a John Deacon, era stato definito “the sonic volcano” (il vulcano del suono). Insieme fornivano una base ritmica estremamente solida su cui ci si poteva costruire qualsiasi pezzo. Una cosa che distingue Roger Taylor dagli altri batteristi è un’accentuazione del colpo di rullante nel secondo e nel quarto quarto, effettuato aprendo contemporaneamente l’hihat (charleston) in maniera rapida. Questo permette di rafforzare la potenza del rullante. Lui, inoltre, utilizza molto spesso una delle sue bacchette al contrario; quindi la prende dove c’è la punta e non il corpo della bacchetta. (immagine in basso a destra)

Roger Taylor utilizza molto spesso la bacchetta in questo modo.

Roger è anche noto per la sua ampia estensione vocale e per i falsetti che si possono trovare in alcune canzoni dei Queen tra le quali: Bohemian Rhapsody, My Fairy King, in the Lap of the Gods, Somebody to Love, More of that Jazz e '39. A volte suona anche tastiere, bassi e chitarre nelle sue canzoni.

Strumentazione[modifica | modifica wikitesto]

Da sempre, Roger Taylor è stato uno “sponsor” della Ludwig, dall'88’ utilizza ancora oggi un set della Ludwig color acero naturale laccato; unico pezzo “non Ludwig attuale, è la grancassa (una Sleishman, azienda Australiana; ha utilizzato un intero kit di questa marca nell’album Made in Heaven). Nel kit di oggi, Roger ha aggiunto un kit di rototoms della Remo, sopra i timpani. Come piatti, usa principalmente Avedis Zildjian e qualche Paiste. Alcune volte, soprattutto nei tournée, utilizza anche il doppio pedale DW 9002. In alcuni concerti (come nella manifestazione 46664, avvenuta il 27 giugno 2008) Roger ha utilizzato una batteria DW di colore Green Sparkle, mantenendo però nel drumset gli stessi piatti e la grancassa della Sleishman.

Influenze[modifica | modifica wikitesto]

Roger Taylor ha avuto molte influenze musicali da batteristi diversi, tra cui Mitch Mitchell dei Jimi Hendrix Experience , John Bonham dei Led Zeppelin e Keith Moon degli Who.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album da Solista[modifica | modifica wikitesto]

Album con i The Cross[modifica | modifica wikitesto]

Brani e Singoli[modifica | modifica wikitesto]

I seguenti titoli sono stati incisi in parte con i The Cross in parte con i Queen

  • 1977 - I wanna Testify (Turn on the TV)
  • 1980 - A Human Body (Queen, Play the Game)
  • 1984 - Two Sharp Pencil (The Lot)
  • 1988 - Manipulator (The Cross, album)
  • 1988 - Feel the Force (The Cross, Shove It)
  • 1989 - Hijack My Heart (Queen, the Invisible Man)
  • 1990 - In Charge of My Heart (The Cross, Liar)
  • 1991 - Heartland (The Cross, Life Changes)
  • 1998 - Keep A-Knockin’ (Parte del singolo Pressure On)
  • 2006 - Woman You’re So Beautiful (But still a Pain in the Ass) (Felix and Arty)
  • 2009 - The Unblinking Eye (everything is broken) (Fun on Earth)
  • 2017 - Journey’s End
  • 2019 - Gangsters Are Running This World
  • 2020 - Isolation