Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno di te!
Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno del tuo aiuto per partecipare a un sondaggio sui contributori e sui lettori di Vikidia. Ti basteranno solo 10 minuti e ci permetteranno di conoscervi meglio e migliorare l'enciclopedia.
Hai tempo dal 12 luglio al 30 settembre per rispondere. Ti ringraziamo in anticipo!

Link al sondaggio (in lingua francese)

Erbio

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Erbio
Aspetto dell'elemento
Erbio allo stato solido
Dati fisico/chimici
Olmio ← Erbio → Tulio
Numero atomico 68
Simbolo Er
Temperatura di fusione 1 529 °C
Temperatura di ebollizione 2 868 °C
Anno della scoperta 1843
Scopritore Carl Gustav Mosander



Wiki2map logo.svg
Leggi come una mappa mentale

L'erbio è l'elemento chimico di numero atomico 68 e il suo simbolo è Er.

|Configurazione_elettronica = [Xe]4f126s²

Tavola periodica magnesio

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

L'erbio è un metallo malleabile, tenero, abbastanza stabile all'aria; resiste all'ossidazione più di altri elementi della serie dei lantanoidi. Dal punto di vista chimico è trivalente, ovvero tende ad assumere nei suoi composti il numero di ossidazione +3. I suoi sali sono di colore rosa e il suo sesquiossido (Er2O3) viene chiamato erbia.

Applicazione[modifica | modifica wikitesto]

Nella tecnologia nucleare come assorbitore di neutroni. Come elemento drogante per le fibre ottiche per realizzare amplificatori di segnale in fibra (amplificatore coassiale). Aggiunto al vanadio, l'erbio ne abbassa la durezza e ne migliora la lavorabilità. L'ossido di erbio ha un bel colore rosa e per questo si usa a volte come colorante per smalti lucidi per vetro o ceramica. Il vetro all'erbio si usa spesso per lenti di occhiali da sole e bigiotteria.

Fibreoptic

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'erbio (dal nome della cittadina svedese di Ytterby) fu scoperto da Carl Gustav Mosander nel 1843. Mosander separò l'ittria dalla gadolinite in tre distinte frazioni, che chiamò ittria, erbia e terbia. Erbia e terbia all'epoca erano però confusi; dopo il 1860 quella che era nota come terbia fu rinominata erbia e nel 1877 quella che era nota come erbia fu rinominata terbia.

Disponibilità[modifica | modifica wikitesto]

L'erbio non si trova in natura come elemento puro, bensì combinato con altri elementi in minerali quali la monazite. La sua separazione e purificazione sono sempre stati processi piuttosto laboriosi e costosi, anche se le tecniche di separazione basate sullo scambio ionico sviluppate nel tardo XX secolo hanno reso i lantanoidi e i loro composti molto meno costosi che in passato. Le principali fonti di erbio sono i minerali xenotite e euxenite-(Y).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Borgese, Gli elementi della tavola periodica. Rinvenimento, proprietà, usi. Prontuario chimico, fisico, geologico, Roma, CISU, 1993, ISBN 88-7975-077-1. R. Barbucci, A. Sabatini e P. Dapporto, Tavola periodica e proprietà degli elementi, Firenze, Edizioni V. Morelli, 1998 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2010). (EN) Albert Stwertka, Guide to the Elements – Revised Edition, Oxford University Press, 1998, ISBN 0-19-508083-1.


DAL SITO https://it.wikipedia.org/wiki/Erbio