Carta geografica

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Una carta geografica politica del 1855 dell'Europa.

Una carta geografica, spesso chiamata nel gergo comune cartina[1], è una rappresentazione ridotta e simbolica di determinate caratteristiche della Terra, ottenuta attraverso linee e colori e riprodotta su di un piano.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Una carta geografica può rappresentare l'intera superficie terrestre, oppure solo parte di essa. In una carta geografica il nord risulta in alto, il sud in basso, l'est a destra e l'ovest a sinistra di chi guarda la carta. Esistono vari tipi di carte: alcune, dette fisiche che indicano il contorno delle coste, il corso dei fiumi e dei canali, le montagne, le pianure, le depressioni. Alcune dette politiche invece indicano gli Stati della Terra divisi per colore. Esistono inoltre: le carte topografiche, che rappresentano una città o un agglomerato urbano con tutti i particolari; le carte geologiche, che mostrano i diversi tipi di rocce che affiorano sulla superficie terrestre; le carte nautiche, che contengono informazioni geografiche legate alla navigazione sul mare; le carte turistiche, che contengono indicazioni utili a chi viaggia; le carte stradali, che mettono in evidenza le strade.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La più antica rappresentazione di una carta geografica risale al 6200 a.C. circa. La cartografia moderna è stata fondata intorno al XVI secolo.

Galleria di immagini[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]