Partito Progressista Democratico (Taiwan)

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Partito Progressista Democratico
Immagine non disponibile.JPG
Leader Tsai Ing-wen
Segretario Hung Yao-fu
Stato Flag of the Republic of China.svg Taiwan
Abbreviazione PPD / DPP
Fondazione 28 settembre 1986
Ideologie Nazionalismo taiwanese
Anticomunismo
Liberalismo
Liberalismo sociale
Progressismo
Collocazione centro-sisnistra
Coalizione Pan-verde
Affiliazione internazionale Internazionale Liberale
Seggi Yuan legislativo
68 / 113
Iscritti 335 643
Sede Taipei
Sito web


Il Partito Progressista Democratico (PPD) è un partito politico taiwanese. È attualmente il partito di maggioranza, che controlla sia la presidenza sia lo Yuan legislativo.

Fondato nel 1986, il PPD è uno dei due maggiori partiti di Taiwan, insieme al Kuomintang. Tradizionalmente è stato associato ad una forte difesa dei diritti umani e ad un'identità distinta di Taiwan. L'attuale leader del partito è il presidente Tsai Ing-wen[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le radici del PPD erano in opposizione alla regola autoritaria del Kuomintang di avere un solo partito. Il partito fu fondato come partito alternativo il 28 settembre 1986 quando diciotto membri fondatori si sono incontrati al Grand Hotel Taipei.[2] Un totale di 132 persone hanno aderito al partito quel giorno.[3]

2000-2008: nel governo di minoranza[modifica | modifica wikitesto]

Il PPD ha vinto la presidenza con l'elezione di Chen Shui-bian nel marzo 2000, terminando più di mezzo secolo di regole KMT a Taiwan. Chen ha ammorbidito la posizione del partito sull'indipendenza per appellarsi a elettori moderati, per placare gli Stati Uniti e la Cina.

Il PPD è diventato il più grande partito nello Yuan legislativo per la prima volta nel 2002 dopo le elezioni legislative del 2001.

Il PPD ha subito una sconfitta elettorale significativa nelle elezioni nazionali e regionali a livello nazionale nel dicembre 2005. La coalizione Pan-Blue ha catturato 16 dei 23 uffici della contea e della città sotto la guida del sindaco di Taipei e del presidente del partito del KMT Ma Ying-jeou.

Identità separata[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 settembre 2007, il Partito Democratico Progressista di Taiwan ha approvato una risoluzione che affermava un'identità separata dalla Cina e che chiedeva l'emanazione di una nuova costituzione per una "nazione normale".[4]

2008-2016: in opposizione[modifica | modifica wikitesto]

Nelle elezioni nazionali tenutesi nei primi mesi del 2008 il PPD vinse meno del 25% dei seggi nel nuovo Yuan Legislativo mentre il suo candidato presidenziale, ex sindaco di Kaohsiung Frank Hsieh, ha perso contro il candidato del KMT Ma Ying-jeou con un ampio margine (41,55% vs 58,45%).

2016: nel governo di maggioranza[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 gennaio 2016, a Taiwan si è tenuta un'elezione generale per la sua presidenza e per lo YL. Il PPD ha guadagnato il posto presidenziale, con l'elezione di Tsai Ing-wen, che ha ricevuto il 56,12% dei voti, mentre il suo avversario Eric Chu, del KMT, ha guadagnato il 31,2%. Inoltre, il PPD ha guadagnato la maggioranza nello Yuan Legislativo, vincendo 68 seggi nella legislatura a 113 seggi.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il Congresso Nazionale del Partito sceglie, per due anni, i 30 membri del Comitato Esecutivo Centrale e gli 11 membri del Comitato Centrale di Revisione. Il Comitato Esecutivo Centrale, a sua volta, sceglie i 10 membri del Comitato Centrale Permanente. Il PPD dal 2012 dispone inoltre di un "Comitato per gli Affari della Cina" per affrontare le relazioni tra lo stretto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]