Fotosintesi clorofilliana

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Schema rappresentativo della fotosintesi clorofilliana

La fotosintesi clorofilliana è l'insieme delle reazioni biofisiche e biochimiche che permettono alle piante verdi, che contengono della clorofilla, di sintetizzare delle molecole utilizzando l'energia luminosa del Sole, nelle condizioni naturali.

Fisiologia della fotosintesi clorofilliana[modifica | modifica wikitesto]

Durante questo processo, le piante assorbono il biossido di carbonio (CO2) attraverso le foglie e l'acqua attraverso le radici, rilasciando l'ossigeno (O2) attraverso le foglie. La fotosintesi si può rappresentare con questa reazione chimica:

6H2O + 6CO2 → C6H12O6 + 6O2

dove C6H12O6 è il glucosio, 3O2 sono 3 molecole d'ossigeno, 6H2O sono 6 molecole d'acqua e 6CO2 sono 6 molecole di biossido di carbonio.
La fotosintesi è il processo chimico attraverso il quale le piante che trasformano la luce del sole la CO2 e l'H2O in C6H12O6(Glucosio). Dopo un po' di tempo le molecole di glucosio possono unirsi formando l'amido che è la fonte di energia per animali e vegetali.

Funzione della fotosintesi clorofilliana[modifica | modifica wikitesto]

La fotosintesi oltre ad essere un ciclo importante, produce l' ossigeno che noi inspiriamo e quando lo espiriamo sotto forma di anidride carbonica la foglia la assorbe insieme alla luce solare.

Confronto con la respirazione cellulare[modifica | modifica wikitesto]

La respirazione avviene quando l' ossigeno dell'aria entra nella foglia attraverso gli stomi raggiungendo gli strati più interni della foglia dove si trova il glucosio. La respirazione, appare più evidente di notte quando la pianta non compie la fotosintesi. Di giorno invece la quantità di anidride carbonica emessa con la respirazione è minore rispetto a quella prodotta con la fotosintesi clorofilliana.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Esplorare le scienze, Volume C, B.Negrino e D.Rondano, Casa editrice Il Capitello.