Vettore (matematica)

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni


bussola DisambiguazioneSe cercavi altri significati del termine, oppure cercavi un'altra persona, vedi la pagina Vettore

In matematica un vettore è un elemento di uno spazio vettoriale. I vettori sono quindi elementi che possono essere sommati fra loro e moltiplicati per dei numeri.

I vettori permettono di modellizzare forze fisiche come la gravità, la velocità etc.

Descrizioni di vettori[modifica | modifica wikitesto]

  • Concordi: se la risultante ha punto di applicazione, direzione e verso uguali.
  • Discordi: se la risultante ha stesso punto di applicazione, stessa direzione ma verso opposto. con
  • Opposti: se hanno la stessa direzione ma verso opposto. Ha la nulla se .

Un vettore può avere delle coordinate che sono due o tre (possono corrispondere dunque alle dimensioni dello spazio).

dove x e y sono le coordinate del vettore.

Regola del parallelogramma[modifica | modifica wikitesto]

Quando hanno stesso punto di applicazione ma direzione e verso diverso. La sarà la diagonale del parallelogramma.

I vettori e le loro composizioni[modifica | modifica wikitesto]

Le grandezze vettoriali si rappresentano con VETTORI: un vettore è un SEGMENTO CIRCOLARE definito da 4 caratteristiche:

  • La direzione è la retta su cui giace il vettore.
  • Il verso è l'orientamento corrispondente alla freccia del segmento orientato.
  • L'intensità, cioè la lunghezza del segmento.
  • Il punto di applicazione è il punto in cui la forza agisce.


Esempi[modifica | modifica wikitesto]

è il vettore direttore di una retta d'equazione