Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno di te!
Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno del tuo aiuto per partecipare a un sondaggio sui contributori e sui lettori di Vikidia. Ti basteranno solo 10 minuti e ci permetteranno di conoscervi meglio e migliorare l'enciclopedia.
Hai tempo dal 12 luglio al 30 settembre per rispondere. Ti ringraziamo in anticipo!

Link al sondaggio (in lingua francese)

Ente Nazionale Sordi

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Wiki2map logo.svg
Leggi come una mappa mentale
Questo voce è una bozza sull'argomento "diritto", modificalo

L'Ente Nazionale Sordi (ENS) è un'organizzazione per la protezione e l'assistenza delle persone che soffrono della sordità in Italia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nata nel 1923 a Padova, nella regione del Veneto da un gruppo di persone sordomute italiane. Prima della nascita dell'associazione attuale era presente due associazioni antiche: Unione Italiana Sordomuti e Federazione Italiana Associazione Sordomuti.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

È organizzata dalle strutture territoriale con 20 Consigli Regionali, circa 100 Sezioni Provinciali e 10 Comitati Metropolitani e circa 75 Rappresentanze Comunali.

Organizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Esistono all'interno dei gruppi e comitati come il Comitato Giovani Sordi Italiani per i giovani tesserati dell'ENS dai 0 fino ai 35 anni di età, dei Gruppi di Terza Età (cioè soci anziani e pensionati per tesserati dell'ENS dai 50 anni in su), Comitato Donne Sorde (riservato alle tesserate femminili), Comitato Studenti Sordi (per i sordi che vanno a scuola ed università).

Nel mondo internazionale è socio fondatore di due organizzazioni: la World Federation of the Deaf dal 1951 e l'European Union of the Deaf dal 1985.

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Magarotto (1932 - 1950)
  • Vittorio Ieralla (1950 - 1982)
  • Armando Giuranna (1982 - 1995)
  • Ida Collu (1995 - 2011)
  • Giuseppe Petrucci (2011 - in carica)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]