Alfabeto Morse

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Questo voce è una bozza , modificalo

L’alfabeto Morse, detto anche codice Morse, è un sistema per trasmettere lettere, numeri e segni di punteggiatura per mezzo di un segnale in codice a intermittenza e fu uno dei primi metodi di comunicazione a distanza.

Fu oggetto di studio di Samuel Morse dal 1835, ma venne realizzato dal tecnico Alfred Vail, suo collaboratore dal settembre 1837. Fu sperimentato per la prima volta l'8 gennaio del 1848.[1]

Il codice Morse è una forma primitiva di comunicazione digitale. Tuttavia, a differenza dei moderni codici binari che usano solo due stati (comunemente rappresentati con 0 e 1), l'alfabeto Morse ne usa cinque: punto ( · ), linea (—), intervallo breve (tra punti e linee all'interno di una lettera), intervallo medio (tra lettere) e intervallo lungo (tra parole).


Rappresentazione del codice[modifica | modifica wikitesto]

Cliccando su numeri e lettere è possibile ascoltare il rispettivo codice Morse

 Lettere  Codice  Lettere  Codice  Numeri  Codice  Punteg.  Codice
A  · N  · 0 — — — — —  ·  · · ·
B  ·  ·  · O — — — 1  · — — — — , — —  ·  · — —
C  · · P  · — —  · 2  ·  · — — —  : — — —  ·  ·  ·
D  ·  · Q — —  · 3  ·  ·  · — —  ?  ·  · — —  ·  ·
E  · R  · · 4  ·  ·  ·  · =  ·  ·  ·
F  ·  · · S  ·  ·  · 5  ·  ·  ·  ·  · -  ·  ·  ·  ·
G — —  · T 6  ·  ·  ·  · (  · — —  ·
H  ·  ·  ·  · U  ·  · 7 — —  ·  ·  · )  · — —  ·
I  ·  · V  ·  ·  · 8 — — —  ·  · "  · ·  · ·
J  · — — — W  · — — 9 — — — —  · '  · — — — —  ·
K  · X  ·  ·     /  ·  · ·
L  · ·  · Y  · — —     Sottolineato  ·  · — —  ·
M — — Z — —  ·  ·     @  · — —  · ·
             !  · · — —

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. Urbano Cavina, La telegrafia elettrica e le origini del Morse (uffici e linee nell'Italia preunitaria), Albino, Sandit Libri, 2008, pp. 189, ISBN 978-8-88-915098-6.