Abete bianco

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Abete bianco

L'abete bianco è un albero della famiglia delle Pinaceae. Il suo portamento è colonnare. Può arrivare ad un' altezza di 50 metri. Il suo tronco è dritto e cilindrico; la chioma è a forma conico piramidale. Il legno è di color grigio ed ha pustole resinose, che con l'età si fessurano. Le sue foglie sono persistenti (8-10 anni), aghiforme con lunghezza fino a 2-3 cm, disposte a pettine sui rami in 2 file opposte. I fiori fioriscono tra maggio e giugno con sessi separati portati da un unico esemplare (monoico). I frutti sono pigne di forma oblunga, eretti, color marrone con squame che cadono. L'apparato radicale inizialmente è fittonante (1 sola radice) poi mantiene il fittone con ramificazioni laterali.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Si classifica in piante sempreverdi e conifere.

Abete bianco

Nome scientifico Abies alba.

Nome dialettale Dialetto trentino: Avez.

Famiglia Appartiene alla famiglia delle Pinacee.

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Vive nei terreni profondi, umidi e fertili e in posizioni parzialmente soleggiate.

Vive in zone e boschili montuose con altidudini fino 600-800 metri e 1600- 2000 m è un albero molto longevo (fino anche 600 anni).

Il suo uso è che il suo legname è di minore qualità rispetto all'abete rosso, viene usato per arredamenti interni delle falegnamerie.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Intervista al Custode Forestale Serafini Andrea

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]