Ortica

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni

L'Ortica è una pianta erbacea perenne dioica.

Lamium album no flowers

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'ortica è una pianta erbacea perenne molto diffusa. E' molto conosciuta per le sue capacità irritanti che hanno le foglie e lo stelo. E'molto efficace come pianta medicinale ed è utilizzata anche in cucina. E' una pianta tintoria, adatta cioè a colorare le stoffe. Le sue foglie tingono di verde, mentre le radici regalano ai tessuti un colore giallo.

Foglie: sono ovali, opposte, hanno un lungo picciolo, ed un margine dentato. Tutta la pianta è provvista di peli urticanti.

Foglie: sono ovali-cuoriformi hanno un picciolo e margini dentati.

Fiori: ha i fiori di colore giallo-verdastro, piccoli, sono riuniti in spighette pendenti sotto le foglie, se femminili, mentre quelli maschili sono eretti.

Fusto:è dritto, erbaceo, con pochi rami e peloso.

Urtica dioica11 ies

Riproduzione: si riproduce facilmente da seme o dividendo il cespo in più piantine dotate di radici.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Nome scientifico: Urtica dioica L.

Nome comune: Ortica.

Famiglia: Urticacee.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

L’ortica cresce spontanea quasi ovunque: predilige, terreni freschi ricchi di sostanza organica, sopporta bene la siccità, il freddo e tutte le intemperie, fino a circa 2500 m di altitudine. Non soffre di particolari malattie: è una piante molto forte.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Si usa in erboristeria, in cucina, in medicina, nell'industria tessile, nella cosmetica per fare shampoo per combattere la forfora e i capelli grassi, in veterinaria perché è un buon alimento per polli, cavalli e bovini.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Le foglie dell'ortica quando sono cotte perdono la caratteristica di pizzicare (pungere).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  • Uscita con l'esperta Giovanna Maia

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]