Metodi contraccettivi

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni

I metodi contraccettivi sono intesi come delle modalità o dei dispositivi utilizzati per prevenire una gravidanza o alcune malattie.

Prevenzione delle malattie e metodi contraccettivi[modifica | modifica wikitesto]

Fin dall’ antichità, l’uomo e la donna si sono posti il problema di evitare le gravidanze non desiderate. I contraccettivi sono i mezzi usati per impedire la fecondazione dell'ovulo. Si usano per prevenire una gravidanza indesiderata, alcuni anche per protezione nei confronti di malattie sessualmente trasmissibili.

Metodi naturali[modifica | modifica wikitesto]

  • Il metodo naturale: astenersi dal rapporto dai giorni fecondi

I metodi naturali sono basati sulle osservazioni dei cambiamenti che avvengono nella donna tra una mestruazione e l'altra.

Il più conosciuto è il metodo OGINO-KNAUS. Consiste nell’astinenza sessuale nei periodi di fertilità della donna, calcolato tra l'undicesimo e diciottesimo giorno di un ciclo regolare di 28 giorni. Questo metodo non è molto sicuro. Per aumentare l'efficacia ti questo metodo ci si può basare sulla misurazione della temperatura corporea e sull'osservazione del muco-cervicale.

Metodi farmacologici[modifica | modifica wikitesto]

  • I metodi farmacologici: la pillola agisce bloccando l'ovulazione

I metodi farmacologici utilizzano sostanze chimiche.

La pillola è costituita da ormoni sessuali femminili, simili a quelli prodotti dalle ovaie, in grado di bloccare l’ovulazione; in tal modo è impossibile che abbia inizio una nuova gravidanza. La pillola si può acquistare in farmacia con la ricetta medica.

Metodi meccanici[modifica | modifica wikitesto]

I metodi meccanici utilizzano i dispositivi che impediscono meccanicamente la fecondazione o l'annidamento.

  • Il preservativo o profilattico è un cappuccio di gomma sintetica sottile che ha la funzione di bloccare l’entrata degli spermatozoi nell’ovulo. Protegge anche dalle malattie sessualmente trasmissibili.
  • Il diaframma è un disco di gomma flessibile che viene inserito nella parte alta della vagina per evitare che lo sperma entri.
  • La spirale è un dispositivo di varia forma che il ginecologo deve inserire nell’interno dell’utero per impedire l’annidamento dell’ovulo fecondato.