Lichene

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Wiki2map logo.svg
Leggi come una mappa mentale
Licheni crostosi e frondosi - panoramio

I licheni sono organismi simbionti derivanti dall'associazione di un fungo con un altro organismo, come ad esempio un'alga o un cianobatterio.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Un fungo e un'alga uniti da un legame molto stretto danno vita, formando un unico organismo, ad un lichene. Questa amicizia molto stretta si chiama simbiosi. Entrambi scambiano sostanze nutritive, in questo modo il lichene può vivere. I licheni si trovano ovunque, ma non in luoghi inquinati. Possono vivere in situazioni climatiche estreme, sono però estremamente sensibili all'inquinamento atmosferico perché non riescono, come le piante normali, ad eliminare le tossine. Sono di color rosso, arancio, verde, grigio; ricoprono cortecce degli alberi, rocce, sassi, muri...

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Se ne trovano di tantissime forme e colori. Il corpo del lichene è chiamato tallo. Il tallo è rivestito di ife, filamenti che lo proteggono.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Sulla base della forma del tallio prendono nomi diversi. Alcuni sono duri come una “crosta”, altri sembrano foglie appiattite, altri ancora, detti fruticosi, hanno piccoli rametti molto ramificati che formano dei cespuglietti.

lichene foglioso)

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Si riproduce per semplice frammentazione del corpo oppure attraverso particolari cellule specializzate.

Uso[modifica | modifica wikitesto]

I licheni sono ottimi indicatori ambientali la loro numerosa presenza indica una buona qualità dell'aria in un ambiente. Vengono impiegati nell'industria cosmetica e in profumeria.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]