Anca

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni

L'anca è l'articolazione formata da femore e osso iliaco. Una struttura concava presente nell'osso iliaco, l'acetabolo, forma una sorta di tasca all'interno della quale si inserisce la testa del femore. Attorno a entrambe si trova la cartilagine, che fornisce una superficie liscia che attuisce i colpi fra le ossa, permettendo loro di scorrere liberamente l'una sull'altra. Le membrane che circondano la cartilagine producono il liquido sinoviale che lubrifica l’articolazione. Oltre alle ossa, nell'anca sono presenti diversi legamenti resistenti che prevengono la lussazione dell'articolazione.

L'anca è una delle articolazioni più importanti dell'organismo umano. Permette di camminare, correre e saltare. Sopporta il peso del corpo e la forza esercitata dai muscoli presenti nei fianchi e nelle gambe, moltiplicandola. Insieme alla spalla è una delle articolazioni più flessibili e consente un'ampia gamma di movimenti.

A cosa serve l'anca?[modifica | modifica wikitesto]

L’anca si fa carico del peso del corpo e allo stesso tempo contribuisce alla sua agilità. Grazie a questa articolazione, infatti, è possibile camminare, correre, saltare e compiere tutte le attività permesse dal movimento delle gambe. La testa del femore può compiere un movimento di 360 gradi all'interno dell'acetabolo e ruotare di circa 90 gradi attorno al suo asse. Questa flessibilità è unita alla capacità di sopportare le forze che agiscono sul corpo.

Artrosi all'anca[modifica | modifica wikitesto]

L'artrosi dell'anca è una condizione che porta a una degenerazione della cartilagine dell'articolazione coxo-femorale, il punto in cui femore si articola con l'acetabolo, la cavità dell'anca destinata ad accogliere la testa del femore. Questo processo degenerativo può avere diverse cause e comporta dolore e difficoltà nei movimenti con conseguenze invalidanti.