Venere (astronomia)

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni


bussola DisambiguazioneSe cercavi altri significati del termine, oppure cercavi un'altra persona, vedi la pagina Venere
Fotografia di Venere

Venere è il secondo pianeta del sistema solare per distanza dal Sole. È posto a circa 108 milioni di km da esso (0,7 UA circa).

Compie una rotazione attorno al Sole in circa 225 giorni e una rotazione su se stesso in 243 giorni quindi il giorno è più lungo dell'anno. Non ha satelliti.

Esplorazione[modifica | modifica wikitesto]

Sono state compiute molte missioni senza equipaggio su Venere: dieci sonde sovietiche hanno effettuato un atterraggio morbido sulla superficie. Il 10 agosto 1990 la Sonda Magellano s'inserì in orbita attorno a Venere e iniziò una dettagliata mappatura radar.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La sua atmosfera, composta prevalentemente da anidride carbonica (in minor parte da azoto) e con uno spessore di 100 km, schiaccia Venere sotto un forte effetto serra, il maggiore del sistema solare, portando la temperatura a più di 460 °C e la pressione a 92 atm sulla superficie venusiana. Le nubi di Venere sono formate da acido solforico che riflette benissimo la luce solare, e questo la rende molto luminosa. Venere è visibile dalla Terra a occhio nudo solamente subito dopo il crepuscolo serale e poco prima dell'alba. Per questa sua caratteristica, è conosciuto fin dall'antichità. Grazie alla Sonda Magellano si scoprirono diverse formazioni geologiche venusiane, fra cui vaste planitiae (che ricoprono l'85% della superficie di Venere), varie plana e montes d'ogni forma d'origine lavica. Il rilievo più imponente è il Monte Maxwell che supera gli 11 km d'altezza. Venere ruota in senso retrogrado, cioè ruota nel verso opposto rispetto a quello di tutti gli altri pianeti del sistema solare, eccetto Urano.