Titano (astronomia)

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni


bussola DisambiguazioneSe cercavi altri significati del termine, oppure cercavi un'altra persona, vedi la pagina Titano
Titano fotografato dalla sonda Cassini

Titano è il più grande satellite naturale del pianeta Saturno.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Per dimensioni e massa è il secondo satellite del sistema solare dopo Ganimede, superando per dimensioni il pianeta Mercurio. È composto principalmente di ghiaccio d'acqua e materiale roccioso. La sua atmosfera è composta al 95% da azoto, mentre in parti minori sono presenti anche il metano e l'etano, che si addensano creando le nuvole. Le temperature di Titano favoriscono la condizione in cui il metano può essere presente in forma gassosa, liquida e solida, come succede per l'acqua sulla Terra. Sembra infatti che su Titano vi sia un ciclo del metano molto simile a quello dell'acqua sulla Terra, con conseguenti piogge di metano e con la presenza di fiumi e laghi di metano sulla sua superficie.

Scoperta[modifica | modifica wikitesto]

Titano è stato scoperto dall'astronomo Christiaan Huygens il 25 marzo del 1655