Tiarno di Sotto

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Questo articolo è una bozza sull'argomento "Trentino-Alto Adige", modificalo


Tiarno di Sotto

TiarnoDiSotto-2011-06-21-LaChiesa.JPG

Nazione
Popolazione
Superficie
Sindaco
Italia
689

Renato Girardi (Ledro)


Tiarno di Sotto è una frazione di Ledro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Già abitato in epoca romana, come confermato da alcuni antichi reperti ritrovati sul territorio, è possibile ricondurre l’ampliamento del numero di abitazioni intorno al X secolo. Proprio a questo periodo risale la divisione in due parti di Tiarno, quando gli abitanti del colle S. Giorgio si estesero a valle (l’attuale Tiarno di Sopra), mentre quelli del colle Lèngros si spostarono nel senso opposto (dove ora è collocato Tiarno di Sotto).

Il paese, così come si presenta oggi, è suddiviso nelle frazioni di Moi, Villa e Degara. Nella piazza centrale si trova la chiesa di S. Bartolomeo, edificio che custodisce opere di notevole rilevanza artistica. È documentata la precedente esistenza di una chiesetta di forma rettangolare risalente al 1348, poi ampliata e ristrutturata più volte nel corso del tempo. Di grande rilevanza sono il campanile alto ben 72 m tutto in pietra viva e in particolare la pala dell’altare maggiore. La pala risale al 1587 e viene attribuita alla scuola veneta del Tintoretto.

A circa un km di distanza da Tiarno di Sotto, situato sul colle sovrastante, è possibile raggiungere con una rilassante passeggiata la chiesetta di S. Giorgio, dalla quale si gode uno stupendo panorama sui due paesi a valle. Passeggiando lungo il rio Massangala si incontrano un vecchio mulino, risalente al XV secolo e ora sede di un piccolo museo, e più avanti la bellissima cascata Gorg d’Abiss.

Feste[modifica | modifica wikitesto]

• 4 ottobre: in onore di S.Francesco ogni anno il paese viene animato con un mercato.

• 4 passi in montagna: un percorso gastronomico quasi completamente nel bosco

• Chiesa di San Bartolomeo

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]