Statistica

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni

La statistica si occupa di studiare un fenomeno con lo scopo di metterne in evidenza gli aspetti essenziali. La statistica indaga i fenomeni collettivi. Essa è la scienza che studia i dati quantitativi e qualitativi, li elabora e li rappresenta graficamente.

Dati[modifica | modifica wikitesto]

  • Quantitativo: i dati sono numerici (esempio: L'altezza dei ragazzi)
  • Qualitativo: i dati sono aggettivi o nomi (esempio: il genere o il credo religioso)

Terminologia[modifica | modifica wikitesto]

Con il termine statistica si fa riferimento all'insieme dei dati raccolti.

I termini usati nella statistica sono:

  • Popolazione: è l'insieme degli elementi che sono oggetto di studio.
  • Individuo: indica ogni singolo individuo.
  • Campione: è il numero di individui intervistati.
  • Distribuzione di dati: è l'insieme di dati.

Valori statistici[modifica | modifica wikitesto]

La determinazione della frequenza è la prima fondamentale operazione statistica.

Esistono diversi tipi di frequenze:

  • Frequenza assoluta: numero di individui che possiedono quel valore.
  • Frequenza relativa: è il quoziente tra la frequenza assoluta e il numero di individui della popolazione.
  • La frequenza percentuale è uguale alla frequenza relativa per 100

Indici statistici[modifica | modifica wikitesto]

  • Moda: è il dato che si ripete più frequentemente (frequenza assoluta maggiore)
  • Media: è la somma di tutti i dati divisi per il numero dei dati presenti.
  • Mediana : è il valore intermedio di tutti i dati, ordinati in senso crescente; se il numero di dati è dispari la mediana è il valore centrale, se è pari la mediana è la media dei due valori centrali.