Sodio

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Sodio metallico messo nell'olio.

Il sodio è un elemento chimico, dal latino sodium, (il suo simbolo è Na, dal suo antico nome natrium) di numero atomico 11. . E' stato scoperto nei sali da A.S. Marggraf nel 1758 e isolato come metallo da H. Davy nel 1807. Ce n'è molto sulla Terra: il sale comune (che si usa in cucina e si trova nel mare) ha la formula NaCl (cloruro di sodio). Si trova nelle stelle, compone per il 2,6% la crosta terrestre.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

Il sodio è un metallo grigiastro (bianco-argento) e ceroso. Fonde a 97,8°C, bolle a 881,4°C e la densità è 0,97 g/mL

Caratteristiche chimiche[modifica | modifica wikitesto]

Reagisce con l'acqua e con l'ossigeno dell'aria.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

E' utilizzato per la produzione di medicinali, sapone e vetro.

Sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

E' esplosivo a contatto con l'acqua e corrosivo a contatto con la pelle.

Vedi anche[modifica | modifica wikitesto]