Seconda rivoluzione industriale

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni

La seconda rivoluzione industriale è il processo che rappresentò la seconda fase dello sviluppo industriale e che viene cronologicamente riportato al periodo compreso tra il congresso di Parigi (1856) e quello di Berlino (1878) e che giunge a pieno sviluppo nell'ultimo decennio del 1800[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nella seconda metà dell'Ottocento l'Europa occidentale estese e consolidò la propria presenza nel mondo. Il suo prestigio si fondava sulla superiorità nel campo scientifico e tecnologico e sulla potenza industriale e capitalistica[2], rafforzato in seguito alla scoperta di nuove fonti di energia, come il petrolio e l'elettricità, all'utilizzo di nuovi sistemi di comunicazione e di trasporto, al dominio incontrastato del commercio mondiale[3].

Intanto le grandi potenze europee portavano a termine le conquiste coloniali, soprattutto in Africa, spinte dal desiderio di procurarsi nuovi mercati di vendita per i prodotti nazionali e di accaparrarsi materie prime e risorse energetiche a basso costo. A questo prodigioso sviluppo industriale, che si protrasse fino agli inizi nel Novecento e che interessò altri Stati del mondo, come gli Stati Uniti d'America ed il Giappone, è stato dato il nome di Seconda rivoluzione industriale.

In Europa, nel periodo tra il 1850 ed il 1914, si assistette ad una serie di cambiamenti importanti, che mutarono la vita del continente. Le innovazioni non furono della stessa portata in tutti i paesi: più significative in alcuni, meno evidenti in altri; tuttavia gli Europei avevano l'impressione di essere giunti ad una svolta.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Sfruttamento delle risorse: nuove invenzioni. Nelle fabbriche ci fu un grande cambiamento, la catena di montaggio, nuovo metodo di produrre, attraverso nuovi macchinari. Ci fu un cambiamento anche nel settore della medicina come: l'anestesia e la chirurgia. Nuovi trasporti come la ferrovia e le navi, invenzione del telefono per la comunicazione[4].

I settori in cui si ebbero i maggiori risultati furono quello agricolo, quello manifatturiero e quello alimentare.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]