Salgemma

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Salgemma

Il salgemma, chiamato anche halite, è un minerale formato da cristalli cubici, ma si presenta anche in aggregati granulari e compatti. Può essere incolore o assumere tante tinte (allocromatico): bianco, arancio, giallo, rossastro, blu viola e nero. È di sapore salato e facilmente solubile in acqua fredda.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Nome: salgemma
  • Classe: alogenuri
  • Composizione chimica: sodio e cloro
  • Formula chimica: NaCl
  • Peso specifico (Ps): varia da 2,1 a 2,2
  • Durezza: 2 ( fa parte dei teneri nella scala di Mohs)
  • Lucentezza: vitrea
  • Sfaldabilità: cubica perfetta
  • Frattura: da irregolare a concoide

Curiosità e cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Si trova sotto forma di banchi estesi formati dall'evaporazione di acqua salata (antichi laghi salati o mari). Questi banchi si trovano inclusi in rocce di tutte le età geologiche, e il loro spessore varia da poche decine di centimetri a centinaia di metri. Le rocce che lo racchiudono sono impermeabili (argillose) e questo permette la conservazione del minerale, altrimenti diluito dalle acque sotterranee. Ci sono anche giacimenti superficiali, meno importanti e formati dall'evaporazione di laghi salati recenti, dove spesso questo minerale forma una crosta che ricopre le acque salmastre.

Giacimenti principali[modifica | modifica wikitesto]