Repubblica Democratica del Congo

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Questo articolo è una bozza sull'argomento "Congo", modificalo
Repubblica Democratica del Congo

Coat of arms of the Democratic Republic of the Congo.svg
Dati amministrativi
Capitale Kinshasa
'
'
Forma di governo Repubblica semi-presidenziale[1]
Dati geografici
Superficie 2.345.410 km2
Continente Africa
Altri dati
Lingue ufficiali Francese
Popolazione 81 680 000[2]
Valuta Franco congolese
Fuso orario UTC +2 - UTC +1


La Repubblica Democratica del Congo (nome ufficiale in lingua francese République démocratique du Congo) è uno stato africano occidentale e centrale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La dominazione belga[modifica | modifica wikitesto]

La Repubblica Democratica del Congo è stata una colonia belga fino al 30 giugno 1960, quando raggiunse l'indipendenza. Divenne nel 1885 lo Stato libero del Congo (in pratica una proprietà privata del re Leopoldo II del Belgio). In quel periodo lo stato era chiamato "Congo belga" e aveva come capitale Lèopoldville (in onore del re), cioè l'odierna Kinshasa. La dominazione belga fu particolarmente feroce, i coloni sfruttavano le risorse di questo ricco paese, soprattutto il caucciù, un vegetale molto prezioso. Gli abitanti (solo gli africani) furono obbligati a raccogliere il caucciù senza alcun compenso e ogni villaggio doveva consegnare agli emissari del re 5 pecore o maiali, o 50 galline, 125 carichi di manioca, 60 kg di caucciù, 15 di granturco o arachidi e 15 di patate dolci. L’intero villaggio doveva lavorare un giorno su quattro alle opere pubbliche. Chi si rifiutava, o consegnava quantità minori di quelle richieste, era punito duramente. I ribelli, nella maggior parte dei casi, venivano uccisi, agli altri venivano tagliati mani e piedi. Interi villaggi vennero requisiti per farne luoghi di deposito e lavorazione della gomma stessa, causando la morte di 10 milioni di congolesi su un totale di 25 milioni Leopoldo II effettuò spese enormi per corrompere la stampa, creando un apposito ufficio che mascherasse i suoi crimini. La scandalosa amministrazione del Congo da parte del re viene ancora oggi ricordata come uno dei peggiori crimini internazionali del XIX secolo e lo stesso sovrano venne poi costretto a cedere la sovranità dello stato e la sua amministrazione al governo belga.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Mappa congolese

Localizzazione e confini:[modifica | modifica wikitesto]

La Repubblica Democratica del Congo (chiamata anche solo Congo) è uno stato dell'Africa centrale. Confina a nord Repubblica Centrafricana, nord-est Sudan del Sud, ad ovest Congo ed Angola (Provincia del Cabinda), a sud Zambia ed Angola, ad est Tanzania, Uganda, Ruanda e Burundi. La capitale è Kinshasa, a sud-ovest dello stato.

Territorio:[modifica | modifica wikitesto]

Al nord predomina la foresta equatoriale, ad est ci sono prevalentemente montagne e coline, grandi laghi e vulcani, il centro-sud è occupato dalla savana alberata. I fiumi più importanti del paese sono il Congo, da cui prende il nome, che sfocia nell'Oceano Atlantico, l'Ubangi, il Lualaba, il Kasai e il Lomami. I rilievi più alti sono il monte Stanley ( 5.109 m), il Karisimbi (4.507 m), il MIkeno (4.437 m) e il Sabyinyo (3.645 m).

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima è equatoriale, cioè caldo e umido tutto l'anno senza stagione secca. Nella parte centrale, attraversata dall'equatore è presente una vastissima foresta pluviale, per questo il clima è caldo tutto l'anno ma con una stagione secca anche se molto breve. La stagione secca si verifica da dicembre a febbraio (inverno boreale) a nord dell'equatore, e da giugno a settembre (inverno australe) a sud. La gran parte del paese si trova ad un'altitudine di qualche centinaio di metri che mitigano abbastanza il clima. A ridosso dei laghi del Rift, invece, sono presenti delle alture abbastanza elevate dove fa un po' più freddo rispetto al resto dello stato.

Flora e fauna[modifica | modifica wikitesto]

La biodiversità è altissima in tutto il paese. Il bacino del fiume Congo è una delle aree più importanti del mondo dal punto di vista naturalistico insieme alla foresta pluviale ricca di specie di ogni tipo. Una delle più rare e a rischio di estinzione sono i gorilla di montagna e i gorilla di grauer, minacciati dalla perdita del loro habitat e dalla caccia dei bracconieri e decimati a seguito delle molteplici guerre civili. I parchi protetti, dove funzionano, sono ancora importanti per la preservazione dei primati, alcuni dei più importanti sono:

  • Parco Nazionale dei Virunga (primo parco nazionale africano, fondato nel 1925)
  • Parco Nazionale dei Lomami (creato nel 1992, dichiarato ufficialemte il 7 luglio 2016)
  • Parco Nazionale di Garamba (istituito nel 1938)
  • Parco nazionale di Kahuzi-Biega (incluso tra i Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO nel 1980)
  • Parco nazionale di Salonga (inserito tra i patrimoni dell'umanità dell'UNESCO nel 1984)

Altri animali che possiamo trovare sono il leone, l'elefante, il leopardo, lo scimpanzé, il bonobo (un rarissimo primate della famiglia degli ominidi), la giraffa, l'ippopotamo, la zebra, il bufalo, varie specie di rettili e uccelli e moltissimi insetti (molti sono portatori di malattie come la malaria).

La foresta pluviale della Repubblica Democratica del Congo non è fitta come quella della Guinea ma è comunque ricca di specie e soprattuto di legni preziosi e da lavorazione come tek, ebano, cedro d'Africa, acajou, okoumè, e iroko. Molte sono anche le specie floreali per esempio lauro, rosa, ibiscus, orchidea. Il manzaniglio è un albero velenoso, il suoi frutti non sono commestibili e il succo che produce può provocare bruciore di stomaco. Più diffusi sono gli alberi da cola, la palma da olio, varie specie di ficus e di piante da caffè.

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

  • maschile singolare: congolese
  • femminile singolare: congolese
  • maschile plurale: congolesi
  • femminile plurale: congolese

Etnie[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte delle persone sono neri Bantu (vasto gruppo etno-linguistico distribuito dal Camerun all'Africa centrale, orientale e meridionale), suddivisi in circa 300 tribù. Alcune delle più grandi sono:

  • Teke (provincia di Bandundu)
  • Twa (tribù stanziata sui grandi laghi)
  • Hutu
  • Ngbandi

Lingue[modifica | modifica wikitesto]

La lingua ufficiale è il francese, ma se ne contano altre 242 parlate da minoranze linguistiche. Quattro di queste sono riconosciute come lingue nazionali, e sono:

  • kikongo (parlata a sud-ovest)
  • lingala (parlata a ovest e nord-ovest)
  • tshiluba (parlata al centro)
  • swahili (parlata a est)

Religioni[modifica | modifica wikitesto]

Più dell'80% della popolazione è di religione cristiana (soprattutto cattolici e protestanti, un 15% sono altri altri gruppi di cristiani, uno dei più importanti è il Kimbanguismo). Il 10% dei congolesi pratica credenze tradizionali, le religioni animiste. Il resto degli abitanti è musulmano o crede in altre religioni minori.

Ordinamento dello stato[modifica | modifica wikitesto]

Città principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Kinshasa
  • Kinzau-Mvuete
  • Kipamba
  • Kipushi

Istituzioni[modifica | modifica wikitesto]

La Repubblica Democratica del Congo è una repubblica semipresidenziale, cioè una forma di governo, appartenente alle forme della democrazia rappresentativa o indiretta.

Bandiera[modifica | modifica wikitesto]

La bandiera congolese

Quill-Nuvola.svg Questa sezione è vuota, modificala


Bandiere storiche[modifica | modifica wikitesto]

Quill-Nuvola.svg Questa sezione è vuota, modificala


Stemmi storici[modifica | modifica wikitesto]

Quill-Nuvola.svg Questa sezione è vuota, modificala


Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il Congo è ricchissimo di risorse naturali, terzo produttore mondiale di diamanti utilizzati per scopi industriali. Le principali attività economiche del paese sono quella mineraria e l'estrazione del petrolio fruttate da compagnie straniere. Nel settore primario, l'agricoltura e la pesca forniscono il contributo più significativo; l'allevamento, diffuso soprattutto nelle province nordorientali, è di tipo tradizionale e poco produttivo. I prodotti maggiormente esportati sono il cacao, il caffè, il cotone, l'olio di palma, il tè, la gomma, lo zucchero e la corteccia di china. Le principali produzioni alimentari, destinate al consumo interno, sono la manioca, le banane, le patate dolci, i cereali (riso, mais, miglio) ed i legumi. La lunga guerra civile (tra il 1996 e il 2003 il Congo è stato sconvolto da una cruenta guerra civile interetnica) ha avuto un impatto disastroso sull'economia del paese, distruggendo le infrastrutture, procurando la perdita totale dei beni posseduti sia da privati da aziende e il crollo delle esportazioni. Nel 2002 lo stato ha avuto una piccola ripresa finanziaria con l'adozione di nuove gestioni del denaro pubblico.


Arte[modifica | modifica wikitesto]

Nella Repubblica Democratica del Congo ci sono diverse culture, ognuna caratterizzata da una diversa espressione artistica. Nel paese vi è anche una scuola d'arte contemporanea. Due sono forse le figure di maggior rilievo dell’arte contemporanea congolese: Georges Lilanga di Nyama e Cheri Samba. Il primo ha lavorato soprattutto sul rapporto tra arte tradizionale e arte contemporanea. Cheri Samba invece è un esponente di un’arte che ha forti legami con il fumetto e la pittura di insegne. Anche in questo caso si tratta di un’arte di origine popolare che ha avuto un’enorme influenza sulle forme artistiche successive.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Quill-Nuvola.svg Questa sezione è vuota, modificala


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. Modello costituzionale simile alla francese
  2. Popolazione anno 2015

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]