Repubblica Democratica Araba del Sahrawi

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Repubblica Democratica Araba del Sahrawi

Coat of arms of the Sahrawi Arab Democratic Republic.svg
Dati amministrativi
Capitale El Aaiún (non ufficiale)[1]
Capo di Stato Brahim Ghali
Capo del governo Abdelkader Taleb Oumar
Forma di governo Repubblica
Dati geografici
Superficie circa 266 000 km²
Continente Africa
Altri dati
Lingue ufficiali arabo
Popolazione 58 766 abitanti
Valuta Peseta sahrawi (de iure),
dirham marocchino (de facto)
Fuso orario UTC+1 (CET)
Bandiera dello stato

La Repubblica Democratica Araba dei Sahrawi (arabo: الجمهورية العربية الصحراوية الديمقراطية), conosciuta informalmente come Sahara Occidentale, è uno stato parzialmente riconosciuto che aspira alla sovranità nazionale e al completo riconoscimento a livello internazionale.

Situazione[modifica | modifica wikitesto]

Mappa del Sahara occidentale con in rosso evidenziata la berma (BERM), conosciuta come muro marocchino, eretta tra le aree controllate dal Fronte Polisario e quelle controllate dal Marocco.

La proclamazione della Repubblica Araba Democratica dei Sahrawi fu dichiarata dal Fronte Polisario il 27 febbraio 1976 a Bir Lehlu, allora nel Sahara spagnolo.

La RDAS dichiara di governare sul 20-25 % del territorio mentre il Marocco controlla il restante territorio conteso. La porzione di territorio sul quale la RDAS esercita un effettivo controllo si trova ad est del Muro marocchino.

Relazioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Circa 82 Stati dell'ONU hanno riconosciuto la RDAS. Dal 1991 esiste un cessate il fuoco tra il Fronte Polisario e il Marocco. La RDAS è membro dell'Unione africana. Rifacendosi al diritto di autodeterminazione dei popoli è in attesa dal 1990 del referendum programmato per l'eventuale presa in possesso del Sahara Occidentale. L'eventuale transizione è affidata dalle Nazioni Unite.

Moneta[modifica | modifica wikitesto]

La moneta ufficiale della RDAS è la peseta sahrawi. Viene però de facto comunemente usato il dirham marocchino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. Capitale ad interim è Bir Lehlu, ma il governo in esilio ha sede a Tindouf, in Algeria.