Palermo

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Palermo

Palermo02 flickr.jpg
Veduta della città

Nazione
Popolazione
Superficie
Sindaco
Capoluogo di
Italia
671 042
160,59 km²
Leoluca Orlando (centrosinistra)
Sicilia
Città metropolitana di Palermo


Palermo è una città italiana, capoluogo della regione Sicilia e della città metropolitana di Palermo. Secondo il censimento del 2017 conta 671 042 abitanti, risultando essere la quinta città d'Italia per numero di abitanti, nonché la più popolosa della regione.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente il territorio su cui sorge la città era paludoso e attraversato da fiumi. Dopo la bonifica di questi fiumi ne sono rimasti tre (Kemonia, Papireto e Oreto), di cui solo l'Oreto scorre in superficie.
La città è circondata da montagne, dette Montagne di Palermo, le Madonie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Cattedrale di Palermo

Abitata fin dalla preistoria, la città fu fondata dai Fenici con il nome Zyz (fiore). Passata sotto il controllo cartaginese, nel III secolo a.C. fu conquistata dai romani.
Dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente la città fu invasa dai Vandali. In seguito, nel IX secolo, fu conquistata dagli arabi. In seguito, nel 1071, i Normanni guidati da Ruggero d'Altavilla sottrassero la città ai musulmani. I normanni governarono fino al 1250, anno della morte di Federico II di Svevia. In seguito la città fu governata dai francesi, che dovettero abbandonare il potere nel 1282 in seguito ai Vespri Siciliani, una rivolta popolare scoppiata proprio a Palermo. La città divenne possedimento spagnolo fino al 1734, quando passò ai Borboni.
Nel 1860, in seguito alla spedizione dei Mille guidata da Giuseppe Garibaldi, la città fu annessa al resto d'Italia.
La città venne pesantemente bombardata durante la Seconda Guerra Mondiale.
Nella metà del Novecento si diffuse a Palermo, come del resto in Sicilia, il fenomeno della mafia, organizzazione criminale che ha tra l'altro ucciso personalità come il politico Pier Santi Mattarella, i magistrati Paolo Borsellino e Giovanni Falcone, il parroco Pino Puglisi, il giornalista e conduttore radiofonico Giuseppe Impastato, e il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa.