Ossidazione

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni

L'ossidazione è una reazione chimica dove un elemento si combina con l'ossigeno. L'ossigeno si unisce sia coi metalli sia coi non metalli. L'elemento che si ossida si chiama riducente e l'ossigeno si chiama ossidante. Ossidarsi significa quindi avere una carica più positiva (+) di prima e ridursi significa avere una carica più negativa (-) di prima. Ossidazione e Riduzione avvengono sempre contemporaneamente, per il trasferimento di elettroni da un atomo ad un altro. Infatti l'ossigeno ha un'alta elettronegatività e tende a strappare gli elettroni agli altri elementi.

Le reazioni dell'ossigeno con gli elementi chimici[modifica | modifica wikitesto]

Ossidi[modifica | modifica wikitesto]

Se l'ossigeno si combina con un metallo si formano composti chiamati ossidi:

Metallo + Ossigeno→ OSSIDI

es. Cu + O2 → CuO2 (Rame + Ossigeno → Ossido di rame)

Anidridi[modifica | modifica wikitesto]

Se l'ossigeno si combina con un non metallo si formano composti chiamati anidridi:

Non metallo + Ossigeno→ ANIDRIDI

es. C + O2 → CO2 (Carbonio + Ossigeno→ Anidride carbonica)

Mela ossidata

Ossidazione dei cibi[modifica | modifica wikitesto]

A contatto con l'aria dell'atmosfera molti cibi si possono trasformare a causa di processi di ossidazione. Per esempio, la carne lasciata all'aria diventa scura; lo stesso succede alle mele e alle patate, ma molto più in fretta: non appena vengono tagliate iniziano a cambiare colore. Il cambiamento di colore rende i cibi meno belli da vedere ma non pericolosi da mangiare, al massimo cambiano le proprietà organolettiche (il sapore). Le cose cambiano quando intervengono i batteri: hanno bisogno di procurarsi energia per vivere e spesso per ottenerla ossidano certi composti contenuti nei cibi rilasciando i loro rifiuti. Altri batteri riescono invece a ossidare i cibi anche senza usare dell'ossigeno.

Ossidazione dei metalli[modifica | modifica wikitesto]

Serratura ossidata

Anche la materia inanimata si può ossidare, come possiamo osservare in alcuni metalli. Per esempio sulla superficie del ferro che è bello, duro e lucente con il contatto dell'ossigeno si forma la ruggine, la quale si sbriciola facilmente. Per questo motivo non si usa il ferro come materiale per le costruzioni, ma si usa l'acciaio che è inossidabile.


La respirazione cellulare[modifica | modifica wikitesto]

Formula della respirazione cellulare:

C6H12O6 + 6O2 → 6CO2 + 6H2O + Energia

Glucosio + Ossigeno → Anidride Carbonica + Acqua + Energia

Un esempio di reazione di ossidazione è la respirazione cellulare: è un meccanismo attraverso il quale l'ossigeno dell'atmosfera viene introdotto nel corpo e dopo aver raggiunto le varie cellule viene trasformato chimicamente per produrre energia. Durante la respirazione l'ossigeno e il glucosio (uno zucchero) reagiscono tra loro e si trasformano, in una serie complessa di reazioni concatenate, in acqua e anidride carbonica, che viene espulsa tramite l'espirazione. Oltre all'acqua e all'anidride carbonica, la reazione produce anche energia, che è indispensabile alla vita delle cellule e dunque dell'organismo. L'energia è sempre necessaria, anche quando si sta immobili o addirittura si dorme, per esempio per far battere il cuore; se invece ci si muove ne serve molta di più per attivare i muscoli. Per questo quando si corre si respira più in fretta e il cuore batte più velocemente: per portare più ossigeno (e quindi più energia) alle cellule.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]



2018-2019