Osmio

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni

Elemento chimico con simbolo Os.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Dal greco osmè (odore)

Dove si trova in natura[modifica | modifica wikitesto]

Si trova nell’osmio nativo, una lega naturale di osmio e iridio, e nelle sabbie fluviali ricche di platino degli Urali e delle Americhe. Si trova inoltre nei minerali di nichel nell’Ontario, accompagnato ad altri metalli del gruppo del platino. Si estrae, in piccole quantità, da giacimenti del platino.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

E’ un metallo di colore bianco-blu, lucente; in polvere fine è nero; é solido. Grazie alla sua elevata densità é uno degli elementi a maggior densità (a 293 K 22.58 g/cm3); ha una temperatura di fusione di 3030°C; ha la temperatura di ebollizione di -5500°C.

Caratteristiche chimiche[modifica | modifica wikitesto]

La sostanza decompone al calore producendo fumi di osmio. L’osmio è un ossidante forte e reagisce con combustibile, ma anche con l’acido idrocloridico formando gas di cloro. Infine forma composti instabili con gli alcali.

Costanti chimico-fisiche[modifica | modifica wikitesto]

- Valenza: 2,3,4,6,8

- Raggio atomico: 1.92 A

- Raggio covalente: 1.26 A

- Calore specifico: 0.13 J/gK

- Gusci: 2,8,18,32,14,2

- Struttura cristallina: Esagonale

Composti[modifica | modifica wikitesto]

Il più comune è il tetrossido di osmio (OsO4)

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu scoperto nel 1803 da Tennant, a Londra. Lo isolò insieme con l’iridio dal residuo (parte solida)  ottenuto dallo scioglimento del platino nell’acqua regia.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Usato per costruire pennini, filamenti elettrici. Utilizzato per leghe altamente resistenti.

Nel 2001, presso un laboratorio di chimica in California un campione di osmio è stato sottoposto ad un’alta pressione e la sua resistenza alla compressione (il carico) è risultata essere superiore a quella del diamante, ritenuta da sempre quella più grande in assoluto. Questa caratteristica apre nuove vie per lo sviluppo di applicazioni con l’utilizzo di osmio nelle industrie.

Sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

L’osmio è altamente tossico. Minime concentrazioni nell’aria sono ritenute sufficienti a causare congestione delle vie respiratorie e danni a pelle e occhi, per questo occorre l’ utilizzo di camice, guanti e occhiali.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Osmio

https://www.lenntech.it/periodica/elementi/os.htm

http://www.bisceglia.eu/

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]