Odissea

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
odissea

L'Odissea è un poema epico scritto da Omero nel IX a.c. In questo poema epico vengono narrate le avventure di Odisseo (in latino Ulisse) dopo la guerra di Troia narrata nell'Iliade. il poema è composto da 24 libri e vengono narrati gli ultimi 40 giorni.

Personaggi dell'Odissea[modifica | modifica wikitesto]

  • Odisseo (o Ulisse) è il protagonista del poema si distingue per la sua intelligenza e astuzia è leale in amici ma è capace di diabolici inganni contro i nemici. è legato alla sua famiglia e alla sua patria i quali provano molta nostalgia;
  • Penelope: è la saggia moglie di Ulisse, crede fermamente al ritorno del marito. incarna la figura perfetta della sposa greca per la sua fedeltà;
  • Telemaco: è il figlio di Odisseo, attende il ritorno del padre e intraprende un lungo viaggio per avere sue notizie. Si oppone ai Proci che insediano sua madre, il trono e gli averi del padre;
  • Laerte: è il padre di Odisseo re di Itaca prima del figlio. esso vive in campagna turbato dalla prepotenza dei Proci, attende il ritorno del figlio;
  • Nausicaa: è figlia di Alcinoo e Arete sovrani dell'isola dei Feaci è una fanciulla gentile e ospitale. è lei che trova Odisseo in cerca di aiuto e ospitalità;
  • Calipso: è una ninfa figlia di Atlante e Pleione abita in una grotta nell'isola di Ogigia dove il grano, gli alberi e i frutti crescono senza che nessuno semini e lavori. Donna bellissima, tieni prigioniero su quell'isola Ulisse per molti anni, innamorata di lui;
  • Polifemo: è un ciclope figlio del dio Poseidone. è un gigante con un solo occhio in mezzo alla fronte. ha un viso mostruoso è una corporatura gigantesca tanto da sembrare inumano. vive in una grotta allevando un gregge di pecore e quando può si nutre di carne umano. viene accecato da l'astuto Odisseo;

Trama dell'Odissea[modifica | modifica wikitesto]

L'Odissea è composta da 24 libri, narra il ritorno di Ulisse in patria, al termine della guerra di Troia. Il poema è suddiviso in 3 parti ben distinte che probabilmente hanno avuto origine diversa.

Prima parte: comprende la telemachia un' insieme di vicende che riguardano Telemaco: la sua giovinezza, gli scontri contro i Proci e i viaggi, alla ricerca di notizie del padre. seconda parte: si colloca più indietro col tempo, il naufrago di Odisseo sull'isola dei Feaci, dove l'eroe racconta le avventure del suo lungo viaggio. terza parte: narra il ritorno in patria di Odisseo e la sua vendetta contro i Proci che avevano invaso la sua reggia in sua assenza.

Come ogni poema epico l'odissea inizia con l'invocazione a calliope la musa della poesia.

L'uomo ricco d'astuzie raccontami, o musa, che al lungo errò dopo che ebbe distrutto la sacra rocca di troia; di molti uomini le citta vide e conobbe la mente, molti dolori patì in cuore sul mare lottando per la vita e per il ritorno dai suoi, ma non li salvo, benché tanto volesse per la loro propria follia si perdettero, pazzi! che mangiarono i buoi del sole iperione e il sole distrusse il giorno del loro ritorno. Racconta qualcosa anche a noi, ho figlia di Zeus.)

nell'odissea vengono narrati gli avvenimenti che accadono in circa 40 giorni. La guerra di Troia è ormai finita da dieci anni alcuni tutti gli eroi sono ritornati alle loro case, alcuni sono morti. Ma Odisseo non è ancora tornato a Itaca perché prigioniero nell'isola di Ogigia presso caliposo ninfa innamorata di lui. Ma intanto a Itaca i Proci invadono la dimora di Odisseo e vogliono sposare Penelope per impadronirsi dei beni del marito.

Il poema inizia con il concilio degli dei per decidere il destino di Ulisse. Poseidone dio del mare è un nemico di Odisseo gli ha accecato il figlio Polifemo. Atena dea della saggezza, ammira Ulisse per la sua astuzia e intelligenza. alla fine del concilio gli dei decidono che Ulisse è libero di partire dall'isola di Calipso.

Telemaco si mette in viaggio per cercare notizie del padre[modifica | modifica wikitesto]

intanto su consiglio di Atena, Telemaco si mette in viaggio per cercare notizie del padre. il figlio di Ulisse viene accolto da nestore e Menelao e quest'ultimo gli riferisce che Odisseo è vivo ed è prigioniero sull'isola Ogigia dalla ninfa Calipso.

Odisseo accolto dai feaci[modifica | modifica wikitesto]

odisseo lascia l'isola di Calipso con una zattera che lui stesso si è costruito. nel corso della navigazione l'eroe viene sorpreso da una tempesta scatenata da Poseidone che si vuole vendicare. Ulisse naufraga sull'isola dei Feaci dove incontra Nausicaa figlia del re dei Feaci Alcinoo e quest'ultima porta l'eroe a corte. nel corso di un banchetto Odisseo sente narrare da un aedo le vicende della caduta di troia , si commuove e rivela la usa identità e inizia a narrare la sua incredibile e drammatica storia.

Ulisse racconta l'eroe racconta ciò che ha conosciuta nel corso dei suoi viaggi narra dei popoli e dei personaggi che ha incontrato e di luoghi che ha visitato:

- i Lotofagi, che si cibano di fiori di loto e perdono la memoria del passato; - il ciclope Polifemo , figlio del dio del mare, Poseidone; - Scilla e Carridi , mostri che si trovano sullo stretto di Messina e che mettono in pericolo la vita dei naviganti; - le sirene , che con il loro canto persuadono i naviganti a buttarsi dal mare; - Eolo , il dio dei venti - l'isola di Eea dove vive la maga circe, che trasforma gli uomini in porci; - l'eroe incontra nel regno dei morti le anime di Achille,Agamennone e sua madre Anticlea.

Il ritorno a Itaca[modifica | modifica wikitesto]

I Feaci mettono a disposizione di Odisseo una nave per ritornare nella sua terra. Lo conducono a Itaca e lo lasciano sulla spiaggia. sulla spiaggia la dea Atena trasforma Ulisse in un mendicante per non farsi riconoscere. Dopo aver incontrato la dea Atena Odisseo si conduce alla capanna di Eumeo guardiano dei porci esso glie restando fedele anche dopo tutti questi anni. Quando esso incontra Eumeo non gli dice di essere Odisseo il re di Itaca, ma gli racconta una falsa storia dice di essere nativo di Greta e che a viaggiato con i suoi soldati fino a troia per combattere a fianco dei greci e che a vissuto sete anni alla corte del re d'Egitto ma pi naufragò sulle coste Tesprote e da li venuto a Itaca.

La gara e la vendetta[modifica | modifica wikitesto]

Odisseo entra nella reggia travestito da mendicante. Davanti alla reggia ulisse incontra il suo amato cane Argo e esso lo riconosce, ma il cane muore perchè non è stato nutrito bene. nella reggia ci sono i proci e essi trattano il falso mendicante in modo orribile. la sera i proci erano tutti riuniti per mangiare e per svolgere una gara, chi vincerà potrà sposare la regina Penelope. La gara consistema nel tirare un arco (l'arco di Ulisse) in 12 asce. I Proci si fecero avanti per vincere la gara ma anche Ulisse vestito da mendicante svolge la gara. alla fine il vincitore è Odisseo. telemaco e Ulisse si vendicano dei Proci uccidendolo uno a uno salvando il regno di Itaca e la regina Penelope.

Penelope e Odisseo[modifica | modifica wikitesto]

Penelope non sa ancora che il mendicante entrato nella reggia è in realtà il suo amato. Uilsse sicuro che il regno è libero e anche Penelope rivela alla sua amata moglie di essere in realtà Ulisse il vero re di Itaca. Penelope non ci crede alla chiede a Ulisse con cosa è stato costruito il loro letto matrimoniale l'unica che cosa che solo Odisseo . Ulisse sapendo la risposta risponde dicendo che il loro letto matrimoniale è stato costruito con un tronco di ulivo. Penelope felicissima di ritrovare il suo marito lo abbraccia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Emilia Asiaghi , Rafaella Gaviani , raccontami, edizione Lattes

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]