Molière

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Molière

Molière Mignard Chantilly.jpg
Molière ritratto da Pierre Mignard

Nome
Cognome
Sesso
Luogo di nascita
Data di nascita
Luogo di morte
Data di morte
Attività
Jean-Baptiste
Poquelin
M
Parigi
15 gennaio 1622
Parigi
17 febbraio 1673
attore, commediografo


Jean-Baptiste Poquelin detto Molière è stato un commediografo e attore teatrale francese. È nato a Parigi nel 1622 ed è morto in questa stessa città nel 1673.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un tappezziere ( il padre ė tappezziere del Re), frequenta il collegio gesuitico di Clermont prima di seguire gli studi di Giurisprudenza. Con l'attrice Madeleine Béjard fonda la compagnia L'Illustre Théâtre che si rivela un fallimento per motivi finanziari. Deciso a continuare il mestiere di attore, Jean- Baptiste lascia Parigi per percorrere la provincia e si unisce alla compagnia dei Dufresne con la quale resterà per 13 anni. In questo periodo impara il lavoro di attore e comincia a scrivere le prime commedie.

Rientrato a Parigi nel 1658 recita la tragedia Nicomedia di Corneille e Il dispetto amoroso davanti al re Luigi XIV che gli valgono la sua protezione.

Il suo primo vero successo Le preziose ridicole lo porta alla notorietà. Molière ottiene dal re di rappresentare le sue commedie prima nella sale del Petit Bourbon e in seguito in quella del Palais Royale. Molière è considerato il creatore della moderna commedia per la sua capacità di fondere la comicità improvvisata con l'osservazione della realtà sociale e della psicologia umana. Nelle sue opere dipinge i sentimenti e i comportamenti degli uomini con i loro vizi, virtù e manie. È inoltre sensibile ai problemi del suo tempo che rappresenta nelle sue opere e che gli procurano l'ostilità dei suoi rivali[1].

I capolavori[modifica | modifica wikitesto]

  • Le preziose ridicole (1659)
  • La scuola delle mogli (1662)
  • Il Tartufo (1664)
  • Don Giovanni o il convitato di pietra (1665)
  • Il misantropo (1666)
  • L'avaro (1668)
  • Il borghese gentiluomo (1670)
  • Le furberie di Scapino (1671)
  • Il malato immaginario (1673)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. Molière ha numerosi avversari: gli attori della compagnia dell'Hotel de Bourgogne, le dame "prezione" i devoti della compagnia del Santo Sacramento.