Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno di te!
Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno del tuo aiuto per partecipare a un sondaggio sui contributori e sui lettori di Vikidia. Ti basteranno solo 10 minuti e ci permetteranno di conoscervi meglio e migliorare l'enciclopedia.
Hai tempo dal 12 luglio al 30 settembre per rispondere. Ti ringraziamo in anticipo!

Link al sondaggio (in lingua francese)

Manganese

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni

Il manganese è un metallo, ed è l'elemento chimico nella tavola periodica che ha simbolo Mn e numero atomico 25.

Wiki2map logo.svg
Leggi come una mappa mentale
Manganese
Aspetto dell'elemento
metallo argenteo
Dati fisico/chimici
cromo ← Manganese → ferro
Numero atomico 25
Simbolo Mn
Temperatura di fusione 1 244 °C
Temperatura di ebollizione 1 962 °C
Anno della scoperta
Scopritore


L'atomo di manganese ha venticinque protoni nel nucleo e venticinque elettroni al di fuori di quest'ultimo.

Ecco la posizione del manganese nella tavola periodica

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

Manganese dal latino Magnésion, “Magnesia”, città della Tessaglia presso la quale esistevano giacimenti di minerale magnetico fortemente somigliante alla pirolusite, un composto nero di manganese. Secondo altri, il nome deriverebbe direttamente dalla corruzione del latino magalaea, antico nome della pirolusite.

Il manganese si usa anche per decolorare il vetro
Struttura del manganese in 2D

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il manganese è stato usato fin dalla preistoria: pigmenti a base di diossido di manganese sono stati ritrovati in pitture rupestri di 17 000 anni fa. Gli Egizi e i Romani usavano composti di manganese nella fabbricazione del vetro, per renderlo incolore o per colorarlo di viola. Nel XVII secolo il chimico tedesco Johann Rudolph Glauber produsse per primo il permanganato, un utile reagente chimico, sebbene alcuni pensino che sia in realtà stato scoperto da Ignatius Kaim nel 1770. Entro la metà del XVIII secolo il diossido di manganese era già usato per la fabbricazione del cloro. Agli inizi del XIX secolo iniziarono ad essere riconosciuti i brevetti in chimica, e gli scienziati cominciarono a sperimentare l'effetto del manganese nella composizione dell'acciaio. Nel 1816 venne rilevato che l'aggiunta di manganese al ferro rendeva quest'ultimo più duro senza diminuirne la resistenza.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

Il manganese è un metallo grigio-bianco, di aspetto simile al ferro; è duro e molto fragile, si può fondere solo con difficoltà e si ossida molto facilmente. Il manganese metallico diventa ferromagnetico solo dopo un trattamento specifico.

Caratteristiche chimiche[modifica | modifica wikitesto]

Gli stati di ossidazione più comuni del manganese sono +2, +3, +4, +6 e +7, sebbene sia stato osservato in tutti gli stati di ossidazione da +1 a +7. Lo ione Mn2+ compete spesso con quello Mg2+ nei sistemi biologici, e i composti del manganese in cui il manganese ha stato di ossidazione +7 sono dei potenti ossidanti.

Composti del manganese[modifica | modifica wikitesto]

Il diossido di manganese è usato nei tipi più vecchi di pile a secco, per decolorare il vetro contaminato da tracce di ferro o per colorarlo di viola; lo stesso composto è responsabile del colore viola dell'ametista. Lo stesso composto è usato nella fabbricazione industriale di cloro e ossigeno e per vernici.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Il manganese si usa anche per decolorare il vetro, per togliere la tinta verdastra dalle impurità di ferro: in concentrazioni molto alte dona al vetro un colore violetto. Si prescrive sotto forma di integratore in caso di asma. Si impiega spesso in associazione a rame e cobalto per contrastare l’asma allergica e sindromi vascolari.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il manganese è indispensabile per un buon funzionamento dell'organismo, per l'attivazione degli enzimi indispensabli per la digestione e l'assimilazione dei nutrienti. Inoltre, svolge un ruolo fondamentale per la corretta funzionalità mentale, per la crescita ossea, per la formazione del collagene della pelle e proteggere le cellule dall'azione dei radicali liberi. Una sua carenza può provocare difficoltà nella capacità riproduttiva, ritardo nella crescita, compromissione nella formazione di ossa e cartilagini o disfunzioni metaboliche.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Le informazioni che hai appena letto sono state ricavate dai seguenti siti:

http://www.liceorodolico.it

https://it.wikipedia.org

https://it.wiktionary.org

https://www.cure-naturali.it

https://www.lifegate.it/manganese

Inoltre le immagini che hai appena visto sono state prese dal seguente sito:

https://commons.wikimedia.org

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Le informazioni che hai letto non sono state ricavate da libri o da giornali ma solo da siti.

Vedi anche[modifica | modifica wikitesto]

Utente:GALLIANI

Utente:GALLIANI/Sandbox

Piombo