Kim Jong-un

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Questo articolo è una bozza sull'argomento "biografie", modificalo


Kim Jong-un

Kim Jong-un Portrait.jpg

Nome
Cognome
Sesso
Luogo di nascita
Data di nascita
Luogo di morte
Data di morte
Attività
Jong-un
Kim[1]
M
Pyongyang
8 gennaio 1984


politico, dittatore

Kim Jong-un è un politico e dittatore nordcoreano, attualmente capo di Stato[2] della Corea del Nord. Il suo insediamento è avvenuto il 18 dicembre 2011.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua data di nascita non è chiara: molte fonti indicano sia nato nel 1983, altre che sia nato nel 1984. Anche molte informazioni sui suoi primi anni di vita rimangono tutt'oggi incerte. Fonti spesso contraddittorie sostengono che abbia studiato in Svizzera ottenendo due lauree. Inizialmente il successore del padre sarebbe dovuto essere il fratello Kim Jong-nam, il quale perse il suo diritto alla successione a causa di un suo arresto avvenuto a Tokyo. Nel 2009 il Leader Kim Jong-il riuscì ad assicurargli la successione attraverso una campagna di propaganda. Due giorni dopo l'annuncio della morte del padre, venne presentato alla Nazione come il "grande successore", assumendo la carica di Leader supremo della Repubblica Popolare Democratica di Corea. Ricopre inoltre le cariche di Presidente della Commissione per gli affari di Stato, Presidente del Partito del Lavoro di Corea[3], comandante supremo dell'Armata del popolo coreano e Presidente della Commissione militare centrale. Dal suo insediamento, i test atomici effettuati dalla Corea del Nord, hanno suscitato l'ostilità nei rapporti con molti Stati, su tutti con gli Stati Uniti. Nel 2018 vi fu una fase di distensione nei rapporti con l'estero, favoriti dalle Olimpiadi invernali che si svolsero in Corea del Sud. Nell'aprile del 2018 rinuncia ai test nucleari, invitando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump a dialogare sulla crisi nucleare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. Cognomi coreani - corea.it
  2. Capo di Stato: carica assunta de facto. Il leader de iure è Kim Il-sung, dichiarato presidente eterno dopo la morte.
  3. Partito del Lavoro: ricopre anche la carica di Primo segretario

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]