Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno di te!
Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno del tuo aiuto per partecipare a un sondaggio sui contributori e sui lettori di Vikidia. Ti basteranno solo 10 minuti e ci permetteranno di conoscervi meglio e migliorare l'enciclopedia.
Hai tempo dal 12 luglio al 30 settembre per rispondere. Ti ringraziamo in anticipo!

Link al sondaggio (in lingua francese)

Ittrio

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Wiki2map logo.svg
Leggi come una mappa mentale
Ittrio
Aspetto dell'elemento
Ittrio allo stato mineralogico
Dati fisico/chimici
Stronzio ← Ittrio → Zirconio
Numero atomico 39
Simbolo Y
Temperatura di fusione 1,526 °C
Temperatura di ebollizione 3,338 °C
Anno della scoperta 1794
Scopritore Johan Gadolin


Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

L'ittrio è un metallo dall'aspetto argenteo e lucente, relativamente stabile all'aria, possiede una reattività chimica simile a quella dei Lantanoidi.

  • È uno dei metalli di transizione (ovvero appartenenti al blocco "d" della tavola periodica)
  • In natura non si presenta mai in natura come elemento libero
  • Ed è comune nei minerali delle terre rare

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'ittrio fu scoperto da Johan Gadolin nel 1794 e isolato da Friedrich Woehler nel 1828.

Nel 1843 Carl Gustav Mosander fu in grado di dimostrare che le ittriti si potevano dividere negli ossidi (o terre) di tre elementi diversi. "Ittrite" fu il nome usato per il più basico e gli altri vennero chiamati erbite e terbite.

Disponibilità[modifica | modifica wikitesto]

L'ittrio si trova in quasi tutti i minerali delle terre rare e dell'uranio e non viene mai rinvenuto allo stato nativo.

Industrialmente viene ottenuto dalla sabbia di monazite, un ortofosfato di lantanoidi che ne contiene circa il 3%, e dalla bastnasite, un carbonato di lantanoidi che ne contiene circa lo 0,2%.

Viene ottenuto in vari modi, principalmente per riduzione del fluoruro di ittrio con calcio metallico. È piuttosto difficile separarlo dalle altre terre rare. Una volta isolato, si presenta di solito in forma di polvere grigia.

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

L'ossido di ittrio, noto anche col nome di ittria in ambito mineralogico o ceramico, è il suo composto più importante, impiegato per produrre i fosfori.

Ha anche altri utilizzi tra cui:

  • produrre granati di ittrio e ferro, efficaci filtri di microonde;
  • catalizzatore della polimerizzazione dell'etilene;
  • viene usato per disossidare il vanadio e altri metalli non ferrosi.