Iraq

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Wiki2map logo.svg
leggi come una mappa mentale
Iraq
Iraq – Bandiera Iraq - Stemma
Iraq - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Repubblica d'Iraq
Nome ufficiale جمهورية العراق
کۆمارا ىراقێ
Lingue ufficiali Arabo, curdo
Capitale Baghdad  (7 665 292 ab. / 2014)
Politica
Forma di governo Repubblica parlamentare federale
Presidente Barham Salih
Indipendenza 3 ottobre 1932 dal Regno Unito
Ingresso nell'ONU 21 dicembre 1945
Superficie
Totale 438 317 km²
Popolazione
Totale 37 056 169 ab. (2015)
Densità 71 ab./km²
Nome degli abitanti Iracheni
Geografia
Continente Asia
Confini Arabia Saudita, Giordania, Iran, Kuwait, Siria, Turchia
Fuso orario UTC+3
Economia
Valuta Dinaro iracheno
Varie
Dominio internet .iq
Prefisso telefonico +964
Sigla automobilistica IRQ
Inno nazionale Mawtini
Festa nazionale 10 dicembre
Iraq - Mappa
 


L'Iraq (nome ufficiale جمهورية العـراق; Jumhūriyyat al-‘Irāq) è uno stato dell'Asia centrale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Storia antica[modifica | modifica wikitesto]

L'Impero di Persia era in parte insieme con l'Iran. Era formata dell'antica Mesopotamia, che vivevano delle civiltà antiche dei babilonesi, assiri, sumeri.

Ciro il Grande, fu uno dei primi fondatori del Regno di Persia che condusse una guerra contro Alessandro Magno di Macedonia. L'imperatore Ciro I era della dinastia achemenide.

Storia contemporanea[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1970 al 2003 era una dittatura sotto la guida del rais (un titolo nobiliare del dittatore in paesi arabi), Saddam Hussein.

Dal 1980 al 1988 era scoppiata una guerra tra Iraq e Iran che era per motivi dei confini del territorio.

Dal 1990 al 1991 un'altra guerra coinvolse l'Iraq di Saddam che invase il Kuwait per la ricchezza del petrolio. L'ONU e gli USA inviarono militari nel Golfo, nella storia contemporanea è chiamata Guerra del Golfo. Di qui nacquero due zone il nord-sud dette no fly-zone cioè erano zone vietate ai voli degli iracheni ed erano controllate dai militari sotto l'autorità dell'ONU e il centro era sotto il controllo del Governo del rais Saddam.

Dal 2003 è stata cambiata la Costituzione da repubblica socialista a repubblica federale, seguendo gli esempi come modello della Costituzione degli Stati Uniti d'America.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Confina a nord con la Turchia, a nord-ovest e a ovest con la Siria, a ovest con la Giordania, a sud-ovest e a sud con l'Arabia Saudita, a sud-est con il Kuwait e a est e a nord-est con l'Iran.

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

In Iraq vivono dei numerosi popoli etnici in base alle religioni: yazidi, curdi, turcomanni, sciiti, sunniti, caldei, maroniti.

Lingue[modifica | modifica wikitesto]

Le lingue nello stato iracheno sono il curdo, il persiano, l'arabo, l'urdu. Esistono anche dei dialetti in alcun zone dell'Iraq come nella parte meridionale quello kuwaitiano.

Ordinamento dello stato[modifica | modifica wikitesto]

L'Iraq è una repubblica federale parlamentare.

Suddivisione amministrativa dello stato[modifica | modifica wikitesto]

Lo stato iracheno è suddiviso in 18 governatorati.

Bandiera[modifica | modifica wikitesto]

La bandiera irachena.

La bandiera dell'Iraq è stata adottata dal parlamento iracheno il 28 gennaio del 2008 come bandiera per un anno, aspettando una decisione sulla futura bandiera irachena dopo la fine della dittatura di Saddam Hussein.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il paese iracheno è uno dei maggiori e ricchi di produzione del petrolio che si trova nella regione del Kurdistan.

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Quill-Nuvola.svg Questa sezione è vuota, modificala !


Arte[modifica | modifica wikitesto]

Ricca di testimonianze storiche sulle origini dei babilonesi, degli assiri, ma soprattutto dell'antico regno di Persia con dei musei e degli scavi archeologici di epoca sumera e romana, oggi in alcune parti sono distrutte dalla guerra civile irachena.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La nazionale di calcio dell'Iraq ha vinto 1 Coppa d'Asia nel 2007, nel 1976 venne sconfitta dalla Cina per il terzo posto, nell'edizione del 2015 venne nuovamente sconfitta dagli Emirati Arabi Uniti per il terzo posto per 3 a 2.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]




Stati dell'Asia Asia (orthographic projection).svg